Capelli degradé: cos’è e come si fa

Una tecnica di colorazione che punta a un risultato luminoso e naturale. Scopri tutto sul degradé

C’è una tendenza che impazza nel mondo dell’hair style, è il degradé, una tecnica di colorazione dei capelli che punta a ottenere un risultato luminoso ma naturale, che ricorda l’effetto del sole sulle ciocche.

In contrapposizione con il trend dei colori shock – come l’Ultra Violet o il Rainbow Ombré – il creatore di questa tecnica, Claudio Mengoni di Joelle, si è ispirato alla ricerca di leggerezza e naturalità, e i risultati sono assolutamente lusinghieri, tanto che questa tecnica è amata da molte celebrity, tra cui Bianca Balti e Jennifer Lopez.

La differenza tra il degradé e altri trattamenti come lo shatush o il balayage sta nel fatto che il primo è una colorazione per capelli, mentre gli altri sono effetti di colore e prevedono l’applicazione del decolorante sulle lunghezze dei capelli, con la creazione di uno stacco di colore molto netto tra la base dei capelli e le lunghezze.

Ciò non accade con il degradé perché la schiaritura è graduale e l’effetto è più sfumato e naturale. Per realizzarlo, infatti, l’hair stylist divide la capigliatura in ciocche dalla base della nuca verso l’alto, alcune ciocche rimarranno del colore naturale, altre verranno colorate con diverse tonalità – senza ammoniaca – da applicare a seconda dell’effetto desiderato. Il risultato naturale si deve anche all’abilità del professionista nel manipolare ciocche molto sottili.

L’effetto naturale è solo uno dei motivi per scegliere il degradé: un altro vantaggio di questa tecnica è la bassa manutenzione. La base dei capelli, infatti, non viene trattata con un colorante ma solo con un riflessante, e le nuance utilizzate sulle ciocche perdono forza naturalmente senza dare luogo all’effetto ricrescita.

Inoltre, il degradé è perfetto per eseguire l’hair contouring, cioè creare con il colore dei capelli un gioco di luci e ombre che valorizzi i tratti del viso e minimizzi i difetti. Per chi ha i capelli biondi o castani il degradé è un ottimo modo per dare personalità al colore: l’hair stylist potrà scegliere a seconda della base i colori da applicare, più freddi come il cenere o più caldi come il miele o il caramello, fino al cioccolato per i toni più scuri.

Il risultato dipende anche dalla lunghezza: se hai i capelli lunghi, le possibilità di applicare più colori sono maggiori, mentre sul capello corto è meglio concentrarsi su un paio di nuance per essere sicuri di un risultato naturale. Il mosso viene esaltato dal degradé, ma puoi scegliere questa tecnica anche se hai i capelli lisci, in questo caso le ciocche da trattare saranno molto sottili per creare un bel gioco di sfumature.

Capelli degradé: cos’è e come si fa
Capelli degradé: cos’è e come si fa