Avvelenamento da cibo: 5 alimenti insospettabili

Vi sono degli alimenti che si consumano abitualmente ma che purtoppo nascondono un potenziale di pericolosità. Scoprite quali

Uno degli alimenti che comunemente mangiamo ma che potrebbe risultare velenoso è la patata. Questo cibo contiene molte tossine pericolose per l’organismo. Nei casi più gravi può apportare emorragie, in particolar modo all’occhio. La patata contiene chaconina, solanina e inibitori della colinesterasi. La solanina si trova nella buccia della patate che comincia ad inverdirsi a causa dell’esposizione alla luce e una cattiva conservazione del prodotto. Addirittura i glicoalcaloidi possono giungere a dei livelli che potrebbero diventare pericolosi, se non addirittura letali per l’essere umano.

La ciliegia rappresenta un frutto privo di calorie, ma ricco di zucchero, sali minerali, ferro, fosforo e calcio.
Poche persone però sanno che questo frutto contiene un nocciolo che potrebbe risultare pericoloso a causa della presenza in esso dell’acido cianidrico. Questo acido con i suoi derivati rappresenta uno dei veleni più potenti, infatti se viene inalato può causare la morte nell’arco di pochi minuti. È bene sapere che non c’è bisogno di preoccuparsi perché questa tossicità si manifesta solo se il nocciolo viene danneggiato e ingerito in concentrazioni eccessive.

Un altro cibo molto pericoloso sono i funghi. Essi sono in grado di produrre sostanze chimiche molto tossiche definite micotossine, che generano avvelenamento negli esseri umani. I sintomi che si manifestano dall’ingestione di funghi velenosi sono variabili. In casi lievi si presentano allucinazioni e problemi di digestivi, mentre in casi gravi si avvertono problemi al fegato quasi irreparabili.

Il pomodoro può rientrare fra gli alimenti pericolosi in quanto contiene una sostanza dannosa che è la solanina considerata addirittura tossica. Inoltre, nel pomodoro è presente anche la tomatina, un alcaloide non molto tossico, che in particolar modo si trova nei pomodori immaturi. Per tal motivo, questi pomodori vanno del tutto evitati altrimenti potrebbero risultare tossici e pericolosi per l’organismo.

Anche le mandorle, come le ciliegie, contengono al loro interno il nocciolo il quale a sua volta include l’ acido cianidrico. Grazie alla presenza di alcuni enzimi nella flora dell’intestino quando questo frutto viene ingerito risulta essere pericoloso e addirittura letale per l’uomo. Infatti è stato dimostrato che per un bambino basta ingerire dalle 6 alle 10 mandorle per poter causarne la morte, mentre per gli adulti sono necessarie almeno 50 mandorle.

Immagini: Depositphotos

Avvelenamento da cibo: 5 alimenti insospettabili