Allarme batteri in cucina, ecco dove si annidano

Strofinacci e cellulari, ma anche frigo, spugne dei piatti, rubinetti sono veicoli di pericolosi batteri che posso portare a intossicazioni alimentari

Siete sicure che le vostre case siano davvero pulite e prive di insidiosi e pericolosi microorganismi? Batteri e spore brulicano in luoghi e su oggetti impensabili e spesso siamo noi a portarceli compiendo gesti solo in apparenza innocui. La cucina è un luogo a rischio, l’avreste mai detto? Dunque, non basta strofinare bene lavello e piano cottura (ecco una mini guida per lavori di casa veloci) per eliminarli.

Da uno studio condotto dalla Kansas State University e pubblicato su Food Protection Trends è emerso che strofinacci e cellulari sono tra gli oggetti più contaminati che usiamo in cucina. I ricercatori hanno osservato in videochat 123 persone mentre cucinavano. Dal test si è evidenziato che i partecipanti utilizzavano frequentemente gli strofinacci e questo ha permesso di stabilire che erano la più contaminata di tutte le superfici di contatto. Inoltre, li usavano con mani sporche o mal lavate e se anche le lavavano correttamente, poi, riutilizzavano gli stessi strofinacci continuando a contaminare l’ambiente. I batteri così sparsi nelle cucine possono portare anche a gravi intossicazioni e malattie alimentari.

Altro oggetto molto pericoloso è il cellulare che usiamo spesso mentre cuciniamo. Da qui alcuni consigli: lavare gli strofinacci ogni volta che prepariamo un pasto o adoperare carta assorbente usa e getta. E igienizzare i telefonini con prodotti specifici.

Non solo strofinacci e cellulari sono contaminati. Sapete che le spugne per lavare i piatti contengono 10mila microbi ogni 6 cm di tessuto? Ecco gli oggetti più infestati di batteri che abbiamo in cucina.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Allarme batteri in cucina, ecco dove si annidano