Venezia 79, Rocio Muñoz Morales madrina. E parla delle nozze

L'attrice spagnola è stata scelta come madrina della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. E torna a parlare delle nozze con Bova

Impegno, studio, dedizione. Sono giorni di grande impegno per Rocio Muñoz Morales, scelta come madrina della 79ª edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Il discorso d’apertura, atteso per il 31 agosto, è già stato scritto. Per le parole finali, invece, ha deciso di prendersi del tempo. E, a poche ore dal debutto in Laguna, è tornata a parlare delle nozze con Raoul Bova che non sono mai state celebrate.

Rocio Muñoz Morales è la madrina di Venezia79

Il suo nome è stato reso ufficiale da mesi, com’è consuetudine per la manifestazione, ma Rocio Muñoz Morales ha voluto aspettare fino all’ultimo per realizzare il suo discorso. Sentita da Corriere della Sera a poche ore dal taglio del nastro, ha raccontato: “Dirò quanto il cinema è importante per le nostre vite, per sognare, per vivere vite diverse dalle nostre. Ho capito di essere innamorata del cinema da bambina, papà a casa guardava tanti film e mi ha trasmesso questa passione”.

Sulle sue parole, scelte con cura, sarebbe intervenuto anche il compagno Raoul Bova: “È un ruolo difficile, è un traguardo e un punto di partenza, sento la responsabilità, sarò la voce e il volto di chi da mesi lavora alla Biennale, ci vogliono gli attributi. Il mio intervento l’ho letto a Raoul che all’ennesima volta mi ha detto bello ma non ne posso più, e alle nostre figlie”.

Dalla suo debutto al Festival di Sanremo sono passati molti anni, ma ancora ricorda quell’esperienza fatta con Carlo Conti, Arisa ed Emma, vincitrici delle edizioni precedenti: “Ho una maturità professionale diversa”, ha affermato, “non parlavo bene l’italiano come adesso ma penso di aver suscitato tenerezza”. A Venezia, arriva con la consapevolezza che ci sia ancora tantissimo da fare per il cinema, proprio come le ha assicurato il direttore artistico della manifestazione, Alberto Barbera: “La situazione è drammatica, ma vedrai che le luci non si spegneranno”.

La lotta ai pregiudizi

La nomina a madrina della Mostra del Cinema di Venezia è certamente una grande soddisfazione per lei, che oggi è una donna con nuove certezze. E libera da ogni tipo di diceria, che ha superato con grande coraggio e mostrando quello che è capace di fare: “Quante me ne dicevano nei primi tempi, la solita raccomandata che sta con l’uomo separato, famoso e con i soldi, poi sono passati ai 17 anni di differenza…”.

Una battaglia senza fine contro i pregiudizi, che ha vinto facendosi amare dal pubblico che finalmente l’apprezza per il suo talento artistico e non la identifica come la “compagna di”. E sulle nozze, sembra proprio non avere alcun dubbio: “Sono tradizionalista, me lo deve chiedere Raoul. Io non glielo chiederò mai”. La coppia, più solida che mai, è stata data in crisi più volte. Eppure, hanno sempre smentito ogni indiscrezione.

La 79ª edizione della manifestazione è attesa per il 31 agosto, finalmente con la presenza del pubblico che torna a piena capienza dopo gli anni di grande sofferenza dovuti al Covid e alla pandemia. Come da lei stessa rivelato, sarà vestita da un grande stilista. Ma non in rosso.