Pressione, gli effetti positivi dello zenzero: come assumerlo

Fra le tante proprietà dello zenzero c'è anche quella di contrastare la pressione alta. Ecco come consumarlo

Gustoso e ricco di proprietà benefiche: lo zenzero è un ottimo rimedio contro la pressione alta.

Da secoli questa radice viene utilizzata per curare mal di gola, raffreddore, nausea e dolori articolari, ma anche per migliorare la digestione e contrastare l’ipertensione. Lo zenzero ha un sapore e un aroma piccante, dovuto alla presenza del gingerolo, una sostanza che si comporta come un vero e proprio farmaco e che può apportare moltissimi benefici al nostro organismo.

In particolare la relazione fra zenzero e pressione alta è stata oggetto di numerosi studi. Secondo gli esperti infatti la radice della pianta è in grado di agire sul sistema cardiovascolare, contrastando alcune fra le malattie più temute e comuni, svolgendo un’azione antinfiammatoria e antiossidante.

In sostanza lo zenzero causa la vasodilatazione, rilassando i muscoli che si trovano intorno ai vasi sanguigni, inoltre rende la circolazione del sangue nelle arterie molto più fluida e regolare, riducendo la pressione arteriosa. Non solo: questa radice è anche un antiaggregante piastrinico capace di bloccare l’aggregazione piastrinica, prevenendo la formazione di emboli e trombi.

Dopo aver scoperto le proprietà dello zenzero contro l’ipertensione non resta che scoprire come assumerlo. Questa radice si presta a diventare protagonista di moltissimi piatti. Si può gustare ad esempio sotto forma di tisana, ma anche candito, al posto di caramelle e cioccolatini. Aggiungetelo nei cocktail, nei centrifugati e negli smoothies, per conferirgli un retrogusto particolare e sfruttare i suoi benefici. Lo zenzero è ottimo anche come ingrediente dei dolci (dai ciambelloni alle torte sino ai biscotti), si accompagna alla perfezione ai primi piatti, alle zuppe e al pesce fresco.

Come scegliere lo zenzero? Acquistatelo sempre fresco e al momento dell’acquisto puntate su una radice che appaia soda, liscia e pesante. In commercio potete trovarlo anche in polvere o nei vasetti delle spezie, solitamente quello fresco si trova nel banco frutta all’interno dei supermercati.

Una volta a casa conservatelo in frigorifero, chiudendolo in un sacchetto di carta per alimenti privo d’aria. In questo modo si conserverà per almeno 3 settimane. In alternativa potete tagliare lo zenzero a pezzetti e congelarlo, in tal caso durerà oltre un mese.

Pressione, gli effetti positivi dello zenzero: come assumerlo