Vampate di calore in menopausa: cause e rimedi

Sedentarietà, stress, sono alcuni dei fattori di rischio legati all’insorgere delle vampate di calore in menopausa. Scopri quali rimedi adottare in questo caso

Antonella Lobraico Editor specializzata in Salute & Benessere Specializzata nella comunicazione online, ha collaborato con testate giornalistiche, uffici stampa, redazioni tv, case editrici e agenzie web in progetti su Salute&Benessere.

Il corpo della donna, perfetto e meraviglioso, è interessato da continui cambiamenti nel corso della vita. E spesso queste variazioni, non passano di certo inosservate. Basta pensare ai mutamenti che si verificano durante l’adolescenza, quando si è in attesa di un bambino o quando si sta avvicinando o si entra in menopausa.

In particolare, la menopausa comporta una sintomatologia comune, che può essere più o meno fastidiosa, in base ai casi. Possibili sbalzi di umore, secchezza vaginale, aumento di peso, vampate di calore, rientrano tra questi. Si tratta di alterazioni fisiologiche dovute ai cambiamenti ormonali in corso, nello specifico a un calo degli estrogeni e del progesterone.

Le vampate di calore, pur essendo comuni, non riguardano tutte le donne e possono verificarsi con intensità diversa. Possono infatti presentarsi in modo occasionale o persistente. Tuttavia, non bisogna sottovalutare una manifestazione frequente, in quanto la loro presenza può aumentare il rischio di sviluppo di malattie cardiovascolari.

Cosa possiamo fare quindi, se le vampate di calore si verificano di frequente? Ne abbiamo parlato con la Dottoressa Elisabetta Colonese, Medico chirurgo, specializzata in Ginecologia ed Ostetricia, terapia della Infertilità di Coppia.

Cosa sono

«La vampata è una vasodilatazione eccessiva a livello della pelle dovuta ad un aumento della temperatura cutanea. Nello specifico, quest’ultima provoca una risposta compensatoria del corpo a un aumento della temperatura».

Come si manifestano

«La vampata dura pochi minuti. È una sensazione improvvisa di calore che si avverte soprattutto in specifiche parti del corpo, ovvero al volto, al collo, al petto. Può verificarsi con una certa frequenza durante la notte e può essere associata ad altri fenomeni come sudorazione alternata a momenti di freddo, tachicardia».

Cause

«Le cause possono essere molteplici. La più comune è il calo del progesterone e degli estrogeni tipicamente presente in perimenopausa (ndr. periodo che precede la menopausa) e in menopausa. Per compensare questa diminuzione estrogenica fisiologica, il corpo della donna provoca un aumento della produzione dell’ormone FSH a livello dell’ipofisi. Tutto questo causa delle alterazioni del nostro termostato corporeo che si manifestano, in tutte le donne ma soprattutto in quelle in perimenopausa e menopausa, in vampate».

Fattori di rischio

«Possono contribuire al manifestarsi delle vampate diversi fattori di rischio tra cui:

  • l’obesità;
  • il tipo di alimentazione;
  • la sedentarietà,
  • il fumo;
  • l’alcol;
  • i fattori genetici;
  • lo stress.

Le donne che hanno vampate di calore non devono sottovalutare la situazione solo perché comunemente vengono ritenute un disturbo della menopausa. Questo perché chi ha le vampate di calore presenta un rischio cardiovascolare maggiore rispetto a chi non ce le ha».

Rimedi

«Tra i rimedi da adottare in caso di vampate di calore ci sono:

  • seguire uno stile di vita equilibrato;
  • cercare di proporre delle terapie rilassanti, dal training piuttosto che allo sport o a tecniche di rilassamento corporeo;
  • terapie specifiche che possono essere sotto forma di integratori o di tipo ormonale», conclude la dottoressa.

In più, dal momento che le vampate di calore si manifestano per lo più nel corso della notte disturbandolo, è possibile favorire il buon sonno:

  • cercando di rispettare un orario in cui si va a letto;
  • controllare il termostato prima di andare a dormire evitando di lasciarlo impostato su una temperatura troppo alta;
  • non vestirsi troppo caldi;
  • evitare pasti abbondanti;
  • sorseggiare una tisana rilassante.

In generale quindi, quando si presentano le vampate di calore in menopausa meglio non sottovalutarle, soprattutto quando sono persistenti: piuttosto, è bene chiedere il parere del proprio ginecologo. Quest’ultimo, dopo aver valutato il caso, indicherà la terapia più idonea per la paziente.

Nel frattempo, possiamo iniziare modificando lo stile di vita (quando necessario), mangiando sano e praticando un’attività fisica adeguata al proprio corpo.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vampate di calore in menopausa: cause e rimedi