Tumori, l’alimentazione che aiuta chi è in cura con l’immunoterapia

Il microbiota intestinale potrebbe giocare un ruolo fondamentale per i pazienti con tumore: la dieta ricca di fibre che aiuta

Foto di Federico Mereta

Federico Mereta

Giornalista Scientifico

Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Il corpo che si difende da solo, grazie agli “insegnamenti” che riceve da farmaci che fanno lavorare al meglio il sistema difensivo dell’organismo aiutandolo a scatenarsi contro le cellule tumorali. Questo è l’obiettivo, in termini estremamente semplici, dell’immunoterapia, la quarta “gamba” delle cure per il cancro insieme a chirurgia, chemio e radioterapia.

Tra le componenti che potrebbero influire positivamente sui risultati di questo trattamento c’è anche il microbiota intestinale, quell’insieme di microrganismi che entrano in gioco in diverse reazioni del corpo umano. Ora una ricerca internazionale, pubblicata addirittura su Science, aggiunge un tassello alle conoscenze su questo tema.

Una dieta ricca di fibre può migliorare la risposta terapeutica del tumore all’immunoterapia grazie ai suoi effetti benefici sul microbiota intestinale. Lo studio ha visto tra i partecipanti anche gli specialisti dell’Istituto Europeo di Oncologia.

Perché le fibre sono importanti

Il team di ricercatori, guidato dal MD Anderson Cancer Center di Houston, ha esaminato retrospettivamente i dati di un gruppo di 438 pazienti che hanno ricevuto immunoterapia per melanoma metastatico, studiando la composizione del loro microbiota e le caratteristiche clinico-patologiche. A chi è entrato nello studio all’inizio della terapia è stato chiesto di compilare un questionario sugli stili di vita e le abitudini alimentari.

In 293 pazienti è stato possibile valutare radiologicamente la risposta terapeutica all’immunoterapia e in 193 la riposta è stata positiva. Nell’ambito di questo sottogruppo di “responders”, è emerso che i 128 che assumevano una quantità maggiore di fibre con la dieta sono quelli che hanno risposto meglio alla cura.

“Sappiamo che il microbiota intestinale, vale a dire l’insieme dei microorganismi che popolano il tratto gastrointestinale, influisce sull’ attività del sistema immunitario ed è in parte dimostrato che, proprio per questa sua funzione “immunomodulante”, gioca un ruolo nella risposta dell’organismo alle cure oncologiche, in particolare all’immunoterapia. Tuttavia, ancora non conosciamo tutti i dettagli di come questo avvenga – spiega Luigi Nezi, che dirige l’Unità di “Microbiome and antitumor immunity” dell’Istituto Europeo di Oncologia ed è tra gli autori dello studio. Il nostro studio ha offerto delle prime risposte.

Sappiamo che la composizione del microbiota, oltre che a fattori genetici, è legata allo stile di vita dell’individuo ed è influenzata da molteplici fattori esterni come stress, attività fisica e dieta. Noi ci siamo concentrati su quest’ultima, focalizzandoci sull’assunzione di fibre, che sappiamo essere regolatori essenziali della flora intestinale. Dall’analisi dei dati clinici è emerso un forte legame tra risposta terapeutica e contenuto di fibre nella dieta, a suggerire che i pazienti che assumono un quantitativo più alto di fibre traggano maggiore beneficio dall’immunoterapia.

Per stabilire se ci fosse una relazione di causa-effetto, è stata modulata sperimentalmente l’assunzione di fibre in modelli preclinici e, analogamente a quanto osservato nei pazienti, si è avuta conferma che il gruppo al quale veniva fornita una dieta ad alto contenuto di fibre rispondeva significativamente meglio all’immunoterapia rispetto al gruppo di controllo.  È importante sottolineare come la migliore risposta clinica sia stata accompagnata da un cambiamento della composizione e struttura del microbiota intestinale, che acquisisce tratti simili a quelli osservati nei pazienti abituati ad una dieta ricche di fibre.”

L’importante è avere un microbiota vario

Un altro punto da sottolineare riguarda l’utilizzo di probiotici come supporto all’immunoterapia dei tumori. I risultati pubblicati su Science mostrano che la caratteristica del microbiota intestinale forse più strettamente legata ad una migliore risposta all’immunoterapia è la diversità, che influenza sia la sua capacità di istruire il nostro sistema immunitario che di complementare le attività metaboliche di cui il nostro organismo necessita per mantenere uno stato di salute ottimale.

Insomma: il microbiota intestinale contribuisce all’unicità di ciascuno di noi e che questa unicità deve essere presa in considerazione anche durante la terapia anticancro. “Dobbiamo considerare il microbiota intestinale come un’estensione del nostro corredo genetico e del nostro stato metabolico – conclude Nezi. – Così come abbiamo lavorato per anni per trovare gli agenti terapeutici più appropriati per specifiche mutazioni associate ai tumori, anche la modulazione del microbiota a scopo terapeutico deve essere preceduta da un’analisi molto accurata delle sue caratteristiche.” Il futuro, grazie ad ulteriori ricerche, dirà ancora di più su questa affascinante tematica.