Herpes Simplex: sintomi, contagio, rimedi

Prurito, arrossamento, presenza di vescicole, possono indicare la presenza di un’infezione molto diffusa, ovvero l’Herpes Simplex. Con l’aiuto dell’esperta vediamo come riconoscerlo e come prevenirlo

Antonella Lobraico Editor specializzata in Salute & Benessere Specializzata nella comunicazione online, ha collaborato con testate giornalistiche, uffici stampa, redazioni tv, case editrici e agenzie web in progetti su Salute&Benessere.

Subdolo e altamente contagioso: ecco due aggettivi che descrivono in sintesi l’Herpes Simplex, un’infezione provocata da un virus che porta lo stesso nome. È assai comune tra la popolazione proprio per la sua contagiosità, e una volta contratto, il virus resta nelle cellule nervose, anche se non ci sono sintomi evidenti. Può quindi diventare dormiente, proprio come l’Herpes Zoster, e comparire nuovamente spesso nella stessa zona, per fattori scatenanti precisi.

Può manifestarsi in diverse parti del corpo, anche se interessa principalmente la zona della bocca (HSV-1) e dei genitali (HSV-2). Potenzialmente, può colpire chiunque e a qualsiasi età. Infatti, il fattore che determina la trasmissione del virus è il contatto diretto con una persona affetta.

Come riconoscere quindi l’Herpes Simplex e quali rimedi si possono adottare per prevenire questa infezione? Ne abbiamo parlato con la Dottoressa Irina Poleva, Specialista in Dermatologia e Venereologia.

Che cos’è

«L’Herpes Simplex è una manifestazione cutanea caratterizzata dalla comparsa di vescicole che diventano velocemente crosticine giallastre, preceduta da prurito o formicolio», spiega la dottoressa.

Esistono due tipi di Herpes Simplex Virus (HSV), ovvero:

  1. l’Herpes Simplex di tipo 1 (HSV-1), il più delle volte responsabile dell’herpes labiale, un’infezione che si manifesta con la comparsa di vescicole intorno alle labbra, ma a volte anche nell’orecchio, nel naso e nella cavità orale;
  2. l’Herpes Simplex di tipo 2 (HSV-2), responsabile per lo più dell’herpes genitale. Quest’ultimo si palesa attraverso vescicole nell’area dei genitali e la trasmissione avviene in genere per via sessuale.

Sintomi

«In una prima fase, si può percepire una sensazione di prurito/formicolio nella zona colpita (labbra, volto per la forma labiale, oppure natiche e genitali nella forma genitale). In seguito, appare un arrossamento con piccole vescicole che si rompono velocemente dando origine alle crosticine giallastre», continua la dottoressa Poleva.

In alcuni casi poi (si tratta per lo più della prima infezione), si possono manifestare anche altri sintomi di tipo influenzale come:

  • mal di testa;
  • febbre;
  • dolori di natura muscolare;
  • stanchezza.

In presenza di questi segni è bene parlarne con uno specialista per una diagnosi accurata. In questo modo, si ha anche la possibilità di proteggere i propri cari da un possibile contagio.

Cause

«La causa dell’Herpes Simplex è un virus, ovvero l’Herpes Simplex Virus (HSV). Si tratta di un virus molto frequente, presente quasi nell’80% della popolazione adulta. Una volta entrato nel nostro organismo, resta per sempre in forma latente vivendo in alcune strutture del midollo spinale. Si manifesta sulla pelle in seguito a specifici fattori scatenanti», prosegue l’esperta.

Si trasmette per contatto diretto della pelle attraverso:

Trattamenti

«Il più delle volte l’episodio dell’herpes si risolve spontaneamente nell’arco di 7-10 giorni. È utile applicare una pomata antivirale nella primissima fase, e quella antibiotica nella fase delle croste, per avere una risoluzione più veloce».

La diagnosi di infezione da Herpes Simplex avviene a seguito di una normale visita medica. In questo contesto infatti, lo specialista effettua un’osservazione attenta dei sintomi. Non c’è una vera e propria cura, i farmaci antivirali non eliminano l’infezione e si usano per via orale in casi eccezionali. I farmaci per uso locale possono trattare la sintomatologia con l’obiettivo di ridurre i disagi causati dai sintomi stessi e il contagio.

Prevenzione

«La trasmissione del virus avviene attraverso contatto con la persona-portatrice, quindi, l’unico modo per prevenire il contagio è quello di evitare il contatto. Tuttavia, le manifestazioni di questa infezione in genere sono lievi e non dovrebbero impedire una sana socializzazione. Inoltre, il risveglio del virus è legato all’abbassamento delle difese immunitarie in seguito a periodi di stress, malattie, uno stile di vita scorretto. Quindi è possibile agire in forma preventiva prendendosi cura della salute in termini di sana alimentazione, rispetto delle ore del sonno, attività fisica regolare e equilibrio psico-fisico. Tutto questo aiuta a tenere a bada il virus», conclude l’esperta.

In generale quindi, può capitare anche più volte nel corso della propria vita, di sperimentare i sintomi tipici di questa infezione. Si tratta comunque di un evento passeggero che può essere trattato con farmaci appositi, da prendere dietro consulto del proprio medico di fiducia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Herpes Simplex: sintomi, contagio, rimedi