Herpes Simplex: sintomi, contagio, rimedi

Vi sveliamo tutto sul temibile Herpes Simplex che può colpire sia le labbra che i genitali, con conseguenze gravi

Fastidioso, doloroso e spesso pericoloso, l’Herpes Simplex colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

Si tratta di un virus molto diffuso che possiede la capacità di adattarsi facilmente all’organismo in cui si trova e, dopo essere stato contratto, rimane per tutta la vita. Può restare per lunghi periodi latente, per poi comparire all’improvviso a causa della riattivazione del virus.

La forma più diffusa di Herpes Simplex è quella di tipo 1 che colpisce principalmente le labbra e più raramente gli occhi e il naso. La forma di tipo 2 invece si manifesta nelle parti intime, si trasmette per via sessuale e presenta sintomi molto più gravi e fastidiosi. Come si manifesta? La presenza del virus, che rimane latente per un lungo periodo, è ben visibile dopo circa quattro giorni di incubazione.

Trascorso questo lasso di tempo le persone colpite dall’Herpes Simplex iniziano ad avvertire rossore e fastidio in una zona della bocca, in seguito si presentano delle vescicole che si rompono, formando delle croste. L’infiammazione dura circa 4 o 5 giorni e si risolve anche senza l’utilizzo di farmaci.

Come si previene l’Herpes Simplex? Solitamente il virus si riattiva, dando vita alle lesioni della pelle, in occasioni particolari. A causarlo spesso è lo stress, l’esposizione eccessiva ai raggi del sole e un abbassamento delle difese immunitarie. La terapia consiste nell’assunzione di antivirali sistemici sotto forma di pastiglie o crema, mentre nel caso dell’herpes oculare i farmaci sono somministrati tramite uno speciale collirio.

Per chi ne soffre l’Herpes Simplex può diventare imbarazzante e molto fastidioso. Il tipo 1, che compare sulle labbra, può causare encefalite (è accaduto anche all’attore Marco Bocci), una malattia pericolosa per il cervello che in Italia colpisce circa 300 persone ogni anno. Il tipo 2, che si manifesta soprattuto nei genitali, è particolarmente doloroso e può risultare pericoloso quando a soffrirne è una donna incinta. In questo caso il virus può provocare un’infezione neonatale, contagiando il bambino nel momento del parto.

Herpes Simplex: sintomi, contagio, rimedi