Pliometria, l’allenamento che ti fa tornare in forma

Metodologia di allenamento ideata negli anni '50, aiuta ad aumentare velocità e potenza oltre che a bruciare calorie

Tipologia di allenamento seguita da celebrities internazionali, per esempio la neo mamma per la seconda volta Jessica Biel, la pliometria prevede l’esecuzione di esercizi di tipo aerobico. La finalità di questi ultimi si focalizza sull’aumento della velocità e della potenza attraverso movimenti che hanno come principale caratteristica la rapidità.

Entrando nel dettaglio dei singoli esercizi di questo schema di allenamento, ricordiamo che possono essere divisi in tre fasi. La prima, quella eccentrica, si contraddistingue per l’allungamento muscolare rapido; la seconda fase, detta di ammortizzazione, prevede invece un breve riposo. Per quanto riguarda invece la terza fase, ossia quella concentrica, ricordiamo che consiste nello sfruttare l’energia incamerata nelle fasi precedenti per effettuare un movimento rapido.

A questo punto, è naturale chiedersi quali siano gli esercizi specifici che si possono includere in uno schema di allenamento pliometrico. In questo elenco è possibile includere lo squat jump, che dovrebbe essere eseguito tenendo conto di un range di 2/3 serie da 10 ripetizioni ciascuna. In uno schema di allenamento pliometrico possono essere inclusi anche gli affondi inversi con le ginocchia.

Se fino ad ora abbiamo elencato esercizi dedicati alla parte inferiore del corpo, ricordiamo che ne esistono diversi anche per quella inferiore. In questo elenco è possibile includere un grande classico dell’allenamento funzionale come il burpee, per non parlare delle flessioni in cui si battono le mani prima di tornare alla posizione di partenza.

Utile per tonificare tutto il corpo, questa metodologia di allenamento ideata negli anni ’50 dal preparatore atletico russo Yury Verkhoshansky favorisce anche lo smaltimento delle calorie. Nel corso degli anni, la scienza ha più volte indagato la sua capacità di influire sulla forma fisica.

Degno di nota a tal proposito è uno studio congiunto francese e tunisino, che ha visto impegnati esperti attivi presso realtà come l’Università di Rennes e l’Istituto Superiore di Sport ed Educazione Fisica di Tunisi.

Pubblicato nel 2015, questo lavoro di ricerca ha monitorato la condizione di 68 giovani donne con BMI da obese. A un follow up di 12 settimane, è stato possibile scoprire che la combinazione tra allenamento pliometrico e HIIT (High Intensity Interval Training) è più efficace ai fini di aumento della massa magra rispetto all’approccio HIIT da solo.

Concludiamo facendo presente che, prima di iniziare l’allenamento pliometrico, è opportuno chiedere consiglio a un trainer esperto, onde minimizzare il rischio di avere a che fare con stress e lesioni a tendini, legamenti e articolazioni.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pliometria, l’allenamento che ti fa tornare in forma