Ecco perché imparare una lingua straniera fa bene alla salute

Il bilinguismo offre una serie di benefici nel lungo periodo, e permette di vivere meglio: ecco perché

Era stato intuito già dal cosiddetto “uomo italiano del futuro”, Don Milani, ed è stato confermato da diversi studi. Conoscere più lingue fa bene, sia a livello mentale che sociale, perché un idioma è l’unica arma che permette di rivendicare i propri diritti fondamentali come lavoro, casa, istruzione e salute.

Che sia per costrizione, magari dovuta al trasferimento in un’altra nazione, oppure per propria attitudine personale, o che si tratti invece della volontaria decisione di ampliare le proprie conoscenze, apprendere lingue diverse risulta essere una grossa opportunità, sia a livello formativo e culturale, sia per migliorare il proprio spirito d’adattamento.

Importante dovrebbe essere, quindi, iniziare a studiare un codice di comunicazione differente da quello madre già nei primi anni di vita, quando la mente è pronta ad accogliere più informazioni: una posizione decisamente diversa rispetto a quella d’un tempo, quando si credeva che imparare più linguaggi insieme costituisse un grosso problema per l’attività cerebrale. Gli studi scientifici hanno dimostrato che l’apprendimento delle lingue impatta in maniera molto forte sulla nostra esistenza, favorendo lo sviluppo della creatività, aiutandoci a capire al meglio tutto ciò che esiste, allargando i nostri orizzonti ed insegnandoci che “non ci siamo solo noi al mondo”.

Esistono alcuni benefici specifici che ci permettono di poterci destreggiare senza problemi in vacanza, rendendoci in grado di ordinare senza problemi una Solyanka in un ristorante a Mosca, chiedere una qualsiasi informazione a Londra. Esistono, soprattutto, dei vantaggi a livello mentale, che ci permettono di vivere meglio e sono, principalmente, cinque.

  • Imparare le lingue allontana le malattie cerebrali

Secondo uno studio effettuato dai ricercatori dell’Ospedale dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, il bilinguismo allontanerebbe infatti di circa cinque anni la malattia di Alzheimer nei soggetti predisposti, operando sulla demenza un effetto che fino a pochi anni fa pareva ottenibile solo attraverso la somministrazione di farmaci. Il sorprendente risultato ha quindi dimostrato che l’istruzione può compensare e aggirare i danni che la malattia provoca nel cervello.

  • Imparare una lingua aumenta le capacità di ascolto

Quando si conversa con una persona in una lingua diversa, è chiaro che si faccia molta più attenzione alle pronunce, ai suoni delle parole, in modo da distinguerle e capirle, in modo tale da poter rispondere correttamente. Infatti, è stato dimostrato che il cervello – durante una conversazione in lingua straniera -subisce un grosso stress, dovuto al grosso lavoro di distinzione dei suoni. Allo stesso tempo, però, questa mole di lavoro lo rende più allenato e flessibile.

La scienza è concorde sul fatto che parlare diverse lingue possa permettere di avere più possibilità lavorative ma, soprattutto, modificare la struttura del cervello, diventando una vera e proprio palestra cerebrale. Una mente allenata riesce a concentrarsi in miglior modo, filtrando le informazioni irrilevanti grazie ad una maggiore flessibilità, che si rende terreno fertile per poter immagazzinare e ricordare molte più informazioni nel tempo.

  • Imparare una lingua modifica il modo di vedere il mondo

I bilingui sanno pensare molto più fuori dagli schemi rispetto agli altri e hanno un modo di ragionare molto più aperto rispetto alla propria cultura di origine. Anche gli studiosi dell’Università di Lancaster hanno concluso così una ricerca pubblicata sulla rivista Psychological Science, concentrandosi su quanto la lingua parlata possa riflettersi sul modo di comportarsi. Infatti, chi parla una o più lingue straniere è in grado di fare propria la forma mentis delle lingue conosciute, ampliando il proprio modo di vedere le cose.

  • Conoscere una nuova lingua permette di esplorare altre culture. 

In una società come quella odierna, multietnica e multiculturale, sono anche infiniti i valori che vanno ad intrecciarsi. Con l’incremento degli studenti stranieri, la nostra società si è trovata a fare i conti con lo spirito di adattamento e di integrazione con una grande ricchezza culturale che man mano si veniva stanziando. Questo, spesso, diviene un problema non trascurabile, poichè l’integrazione, che passa attraverso il rispetto di diversi valori, potrebbe creare dei gap insormontabili se non rispettati. Lo studio di una lingua, quindi, permetterà sì di conoscer persone nuove, ma soprattutto aiuterà l’interazione e l’integrazione di altre persone, arricchendoci in maniera molto importante di una nuovi valori, contribuendo a metter un nuovo pezzo di storia e cultura nel bagaglio della nostra vita.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ecco perché imparare una lingua straniera fa bene alla salute