Dieta del sonno: dormire di più nel weekend fa dimagrire

Anche il sonno può influenzare la dieta di un individuo: uno studio ha rivelato come

Cosa non si fa per restare in forma e per avere una linea da fare invidia? Per ottenerla bastano alcuni accorgimenti e tanta volontà: praticare quindi attività fisica in maniera costante, consumare pasti regolari evitando alimenti ricchi di zuccheri e carboidrati.

C’è un altro fattore che può entrare in gioco nella dieta ed è il sonno. Il risvolto negativo, è che dormire poco nel corso della settimana, non apporta benefici all’organismo: il risultato potrebbe essere proprio un aumento del peso. D’altro canto, se si riesce a recuperare nel weekend il sonno “perso”, si potrebbero pareggiare i conti.

Ad affermarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Sleep della Oxford University Press. Un gruppo di ricercatori di Boston e della Repubblica di Corea, ha cercato di capire se il sonno può in qualche modo influenzare il BMI, ovvero l’indice di massa corporea in un individuo. Per lo studio, sono stati campionati in modo casuale 2.156 adulti e le loro abitudini sono state confrontate con il loro indice di massa corporea. Nei 932 soggetti che avevano dormito due ore in più nel weekend rispetto ai giorni feriali, il BMI è risultato più basso messo a confronto con quello degli altri intervistati. Inoltre, è stato rilevato che il punteggio BMI diminuisce per ogni ora in più di sonno recuperata.

La tesi è stata confermata anche dal professor Robert Thomas, uno dei co-autori dello studio, il quale si è così espresso: “in merito all’aumento di peso, c’è un equilibrio da mantenere, entro il quale il nostro corpo può regolarsi. Il sonno di recupero consente di mantenere quest’equilibrio”.

Il professore accenna a un equilibrio che è bene mantenere e per farlo è importante cercare di recuperare quelle ore perse nei giorni feriali, approfittando del weekend. Nonostante ciò, va considerato che ogni individuo è diverso dall’altro e che in virtù di questo, le ore supplementari necessarie per il recupero, variano sulla base di quanto ogni persona ha realmente bisogno.

Come fare dunque? La soluzione arriva dalla health coach Liza Baker, che suggerisce di portare il conto delle ore effettive di sonno nei giorni “non feriali”, per “determinare il sonno ideale”. Il range delle ore di cui un individuo può avere bisogno è variabile, in ogni caso la gran parte degli adulti spesso necessita di 6-8 ore circa di sonno.

Dieta del sonno: dormire di più nel weekend fa dimagrire