Dieta delle 72 ore: dimagrisci 2 chili e sblocchi il metabolismo

Questo regime low carb permette di dimagrire in pochi giorni e di prepararsi al meglio alla prova costume

Con la dieta delle 72 ore è possibile sbloccare il metabolismo e arrivare a perdere fino a 2 kg i 3 giorni.

Perfetta per prepararsi ai primi week end in spiaggia, questa dieta, da iniziare dopo aver consultato il proprio medico di fiducia, deve essere seguita per non più di tre giorni. Si può anche ripetere, ma lasciando passare almeno tre mesi.

Si tratta infatti di un regime abbastanza drastico che, in pochissimo tempo, permette di sgonfiarsi e soprattutto di dare una scossa al metabolismo.

Il suo schema prevede innanzitutto un apporto energetico quotidiano mai superiore alle 1200 calorie. Per quanto riguarda il menu, va ricordato che si parla di un regime alimentare low carb, caratterizzato quindi da una prevalenza dell’apporto di proteine.

La dieta delle 72 ore rappresenta quindi un’ottima soluzione per tenere sotto controllo la glicemia e per prevenire il diabete.

Un ipotetico primo giorno inizia con una colazione contraddistinta dalla presenza di una tazza di latte parzialmente scremato, da accompagnare con un caffè al quale aggiungere non più di un cucchiaino di zucchero.

Sempre per il primo giorno, come spuntino si può consumare una tisana e per pranzo del tonno sott’olio con contorno di pomodorini. Come spuntino pomeridiano si può optare per 10 grammi di cioccolato fondente, mentre per cena va benissimo del carpaccio di salmone affumicato condito con un cucchiaio di olio e con un po’ di insalata.

Il secondo giorno della dieta delle 72 ore può prevedere una colazione con un vasetto di yogurt bianco magro o greco (quest’ultimo è un’eccellente fonte di proteine nobili), da associare a una tazza di caffè con un cucchiaino di zucchero. Per quanto riguarda lo spuntino, si può scegliere della frutta fresca.

All’ora di pranzo è possibile dare spazio a una caprese, facendo sempre attenzione a non esagerare con l’olio. Per cena si può invece scegliere 100 grammi di fesa di tacchino con contorno di spinaci.

Il terzo e ultimo giorno può iniziare con la medesima colazione di uno dei primi due e proseguire con uno spuntino mattutino caratterizzato dall’assunzione di un infuso allo zenzero.

Per pranzo si può mettere nel piatto del pesce (p.e. baccalà) da accompagnare con dell’insalata, mentre per spuntino pomeridiano e cena vanno benissimo rispettivamente uno yogurt magro e un uovo sodo con una mozzarella da 100/125 grammi.

Se si segue questa dieta è essenziale non trascurare mai l’apporto idrico; bere almeno 1,5/2 litri d’acqua al giorno è molto importante in quanto consente di non sovraccaricare eccessivamente i reni.

Prima di cominciare la dieta, è bene consultare il proprio medico.

Dieta delle 72 ore: dimagrisci 2 chili e sblocchi il metabolismo