Dieta coi cavoli: controlli colesterolo e pressione e ti depuri

Versatile in cucina, il cavolo è una verdura amica della forma fisica e della salute del cuore

Caratterizzato da un profilo nutrizionale di indiscussa qualità, il cavolo è una verdura che vale davvero la pena introdurre nella dieta. Alleato speciale contro il colesterolo cattivo, aiuta a tenere sotto controllo la pressione e a depurarsi.

Appartenente alla medesima famiglia dei cavolfiori e dei broccoli, ossia quella delle verdure Brassicaceae, è coltivato in tutto il mondo ed è presente in natura in varietà contraddistinte da diversi colori.

Come poco fa accennato, tra i suoi benefici rientra il controllo dei livelli di colesterolo cattivo LDL. Per questa proprietà importantissima per la salute del cuore dobbiamo dire grazie alla presenza di fibre solubili. Questi nutrienti, come confermato più volte dalla scienza, si legano alle molecole di colesterolo cattivo a livello intestinale, ostacolandone di fatto l’assorbimento.

Sono numerosi gli studi scientifici che, nel corso del tempo, si sono soffermati sull’azione delle fibre solubili sul colesterolo. Interessante in merito è questa meta-analisi del 1999, che ha visto impegnata un’equipe di esperti attivi presso il Dipartimento di Nutrizione della Harvard School of Public Health.

Il team si è soffermato sui dettagli di 67 studi scientifici, muovendosi con l’obiettivo principale di quantificare la riduzione del colesterolo a seguito dell’assunzione di varie tipologie di fibre alimentari. Nel caso specifico della fibra solubile, è stato possibile riscontrare una blanda diminuzione dei livelli di colesterolo LDL (per quanto riguarda invece quelli di colesterolo HDL, non sono stati individuati effetti di particolare rilevanza).

Proseguendo con i motivi per cui vale la pena introdurre il cavolo nelle dieta, è doveroso fare un cenno agli antociani, composti vegetali appartenenti alla famiglia dei flavonoidi e presenti in grandi quantità nella varietà rossa del cavolo. La loro assunzione, dati scientifici alla mano, può aiutare a ridurre i valori della pressione arteriosa (con ovvi vantaggi, anche in questo frangente, per il benessere cardiaco).

Ricco di vitamina C e di conseguenza portentoso per quanto riguarda la carica antiossidante, il cavolo, sempre in virtù della presenza di fibre, è un eccellente alleato dei processi di depurazione dell’organismo.

Da evitare in caso di allergia alle crucifere – prima di iniziare ad assumerlo è opportuno chiedere consiglio al medico curante – il cavolo è molto versatile in cucina. Lo si può infatti utilizzare sia per preparare primi piatti – ottime le zuppe – sia come contorno per gustosi secondi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta coi cavoli: controlli colesterolo e pressione e ti depuri