Gastroenterite: sintomi, cura e prevenzione

Gastroenterite: questo disturbo colpisce moltissime persone e i sintomi possono essere davvero insidiosi, ecco alcuni consigli

La gastroenterite è una patologia molto comune che può manifestarsi principalmente durante il periodo estivo. Talvolta i sintomi sono davvero insopportabili, ma è possibile prevenire questo problema grazie a delle semplici ed utili accortezze. I sintomi della gastrite indicano un’infiammazione intestinale e dello stomaco, che può scaturire da vari fattori. Precisamente le cause scatenanti potrebbero essere batteri, virus, medicinali, tossine, parassiti e prodotti chimici. Non solo, la gastroenterite potrebbe essere causata anche dalle intolleranze alimentari. Per questo è molto importante conoscere a fondo se si è allergici ad alcuni alimenti o pietanze particolari. Eseguire di tanto in tanto dei test è un buon modo per scoprire se vi sono delle intolleranze ad alcuni cibi. Ma quali sono i sintomi della gastroenterite? Generalmente le sintomatologie principali di questa patologia sono dolori o forti crampi lungo la zona dell’addome, diarrea, vomito, nausea e forte mal di testa. In circostanze più gravi possono anche manifestarsi stati febbrili che causano spossatezza, debolezza e un costante stato di malessere. Per questo motivo, la gastroenterite è una patologia da non sottovalutare, poiché trascurarla potrebbe soltanto aggravare il tutto.

La prevenzione, infatti, svolge un ruolo fondamentale per evitare l’insorgere di questo disturbo. Generalmente, quando i sintomi sono molto forti, si consiglia di interrompere l’assunzione di cibo, bere molta acqua e riposare per alleviare il bruciore di stomaco. Se questi sintomi comprendono anche il vomito e la nausea, spesso si ricorre all’utilizzo di antiemetici, i quali possono essere assunti sia per via orale che sotto forma di iniezione. Inoltre la gastroenterite causata dalla presenza di batteri e virus prevede la somministrazione di antibiotici che non vengono assorbiti dallo stomaco. Nei casi più gravi invece, il medico può prescrivere dei farmaci sistemici. Generalmente, i disturbi causati dalla gastroenterite non necessitano del ricovero ospedaliero, ma nel caso in cui questo avvenisse, il paziente viene sottoposto ad una terapia di reidratazione di liquidi mediante la flebo. Prevenire la gastroenterite è comunque possibile, ma per fare ciò, occorre prendere in considerazione alcune semplici ed utili accortezze. Gli accorgimenti necessari per prevenire la gastroenterite possono garantire un netto miglioramento allo stato di salute, riducendo l’insorgenza della patologia.

Il primo consiglio è quello di bere tantissima acqua che dev’essere contenuta in bottiglie chiuse e sigillate. Occorre infatti fare attenzione che il ghiaccio non venga contaminato, onde evitare la presenza di virus e batteri. Inoltre quando consumate della verdura cruda, bisogna tener presente che l’acqua con cui è stata lavata potrebbe essere stata contaminata e quindi questo alimento potrebbe diventare un vero e proprio veleno per il corpo. Durante l’acquisto della frutta, è preferibile evitare i venditori ambulanti, poiché gli alimenti potrebbero non essere stati conservati in modo corretto. Inoltre, prima di mangiare un frutto, sbucciatelo accuratamente. Dopo aver fatto la spesa, alcune persone hanno la cattiva abitudine di lasciare le buste per molto tempo all’interno del bagagliaio. Si tratta di un vizio comune e particolarmente sbagliato, poiché gli alimenti potrebbero rovinarsi del tutto e perdere le proprietà nutrizionali.

Un ulteriore accorgimento prevedere di fare molta attenzione durante la cottura dei cibi. Bisogna infatti assicurarsi che tutte le parti degli alimenti, soprattutto quelle interne, raggiungano una temperatura piuttosto alta. In particolare, questo consiglio vale soprattutto per gli arrosti e gli alimenti farciti. Per prevenire al meglio i sintomi della gastroenterite è di buon auspicio prestare sempre la dovuta attenzione per quanto riguarda la freschezza dei cibi. E’ importante, infatti, mettere sempre in frigo gli alimenti che non devono essere consumati subito, mentre occorre surgelare direttamente i cibi che non verranno consumati per molto tempo. Se siete in preda ad un attacco di gastroenterite, è fondamentale lasciare riposare lo stomaco, evitando di appesantirlo attraverso il consumo di pasti abbondanti. Mentre aspettate che lo stomaco si riprenda, è possibile mangiare un semplice ghiacciolo in modo graduale e senza fretta. Si consiglia inoltre di accompagnare questo piccolo spuntino con dei piccoli sorsi di acqua. La reidratazione è la chiave per alleviare la gastroenterite. Sono anche indicate le bevande energetiche o i brodini purché questi siano privi di caffeina. Dopodiché si può riprendere a mangiare gradualmente, prediligendo gli alimenti in bianco, facilmente digeribili. Ad esempio vanno benissimo cibi come pollo, crackers, riso e banane. Infine, anche il riposo è tutta salute, poiché aiuterà a tornare in forma e rigenerarsi.

Gastroenterite: sintomi, cura e prevenzione