Fedez si scusa col fratello di Emanuela Orlandi: la sua reazione

“Un momento di immaturità”: il fratello di Emanuela Orlandi commenta la battuta di Fedez sulla sorella scomparsa

Anche la più sincera delle risate può trasformarsi in un’arma a doppio taglio quando lasciata andare nel momento sbagliato. Fedez dovrebbe averlo imparato a proprie spese, in seguito alla chiacchieratissima battuta su Emanuela Orlandi.

Il nome Fedez è da giorni tra i trend topic di tutti i social, oggetto di una valanga di critiche da parte di utenti e personaggi noti. Non è passato sottogamba il modo irriverente in cui il rapper milanese ha parlato della ragazza scomparsa nell’ultima puntata del podcast Muschio Selvaggio. A rispondere, adesso, è Pietro Orlandi, fratello di Emanuela.

“Ha capito di aver sbagliato”: le scuse di Fedez a Pietro Orlandi

“Fedez mi ha chiamato ieri e l’ho apprezzato perché poteva anche non farlo, ha capito che ha sbagliato e mi ha detto che non voleva assolutamente essere irrispettoso”, ha fatto sapere Pietro Orlandi nel corso di una diretta Instagram con il giornalista Gianluigi Nuzzi, ospite della puntata incriminata del podcast.

Si è dimostrato, come sempre, lucido e magnanimo il fratello di Emanuela Orlandi che, commentando l’accaduto ai microfoni di Ansa, ha indicato il tanto criticato atteggiamento di Fedez semplicemente come un momento di immaturità.

“In tanti anni ho dovuto subire comportamenti in malafede e cattivi ben peggiori di una risata non nata sicuramente con la volontà di offendere, o mancare di rispetto, anche se ovviamente mi è dispiaciuto. Non capivo cosa ci fosse da ridere dicendo ‘non l’hanno trovata, la stanno ancora cercando’. Credo che si tratti semplicemente di un momento di immaturità, come quando da ragazzini poteva scappare una risata durante un funerale. Credo in questa vicenda che dura da quarant’anni vi siano atteggiamenti molto più gravi da parte di intere istituzioni che dovrebbero far indignare molto di più di una, seppur fuori luogo, risata”.

La risata fuori luogo di Fedez su Emanuela Orlandi

“Innanzitutto, posso dire? Non l’hanno mai trovata”, per poi scoppiare in un’irrefrenabile risata. Così Fedez ha parlato durante l’ultima puntata del suo popolare podcast Muschio Selvaggio del caso di Emanuela Orlandi, la ragazza di 15 anni scomparsa a Roma nell’estate del 1983, caso tutt’oggi irrisolto, sottoposto a indagini ancora aperte dopo quarant’anni.

“Scusami, mi faceva troppo ridere… ma non fa ridere” ha poi aggiunto il rapper marito di Chiara Ferragni, lasciando impietrito il co-hosting e amico Luis Sal. Ospite della puntata in questione era il giornalista Gianluigi Nuzzi, conduttore di Quarto Grado, che ha provato a prendere le distanze rivedendo nell’atteggiamento del cantante “una forma di black humor sideralmente antitetico rispetto a un giornalista”.

“Potrebbe tatuarsi anche scusatemi”: non si placano le polemiche su Fedez

A poco sono valse le scuse rilasciate da Fedez a Pietro Orlandi, le polemiche social contro il rapper ridarello non sembrano intenzionate a interrompersi. Tra i numerosi attacchi degli utenti, c’è anche qualche nome di rilievo a dare contro al rapper. “Un bullo di terza media”, lo ha definito Selvaggia Lucarelli. Il conduttore tv Andrea Purgatori ha consigliato invece di aggiungere la parola scusatemi ai numerosi tatuaggi .

Nel frattempo, vengono fuori altre battute al limite del fuoriluogo di Fedez che, nella stessa puntata, dopo aver ascoltato Nuzzi ricordare la frase di Papa Francesco su Emanuela Orlandi: “È in cielo”, ha tristemente suggerito che il Pontefice intendesse, forse, che la ragazza “oggi faccia la pilota”.