Omicron, cosa significano le varianti 1, 2, 3

Difficoltà intestinali e dolori addominali sono i due sintomi distintivi della variante Omicron 3: come proteggersi

Foto di Federico Mereta

Federico Mereta

Giornalista Scientifico

Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Continuiamo a fare attenzione. Mascherine e simili non debbono andare in pensione, anche se ricoveri in regime ordinario e terapie intensive stanno calando. Stiamo assistendo ad un rialzo dei nuovi casi di infezione da Sars-CoV-2, e sotto la lente d’ingrandimento degli esperti c’è ovviamente il problema delle varianti e delle sub-varianti Omicron. Questo ceppo virale sta ormai dominando il quadro virologico, ma gli esperti guardano con attenzione al ruolo e alla contagiosità delle diverse “versioni” virali.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto
Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)