Bonsai: tutti i consigli per curarlo e renderlo bellissimo

Il bonsai è una pianta molto forte e longeva che ha conquistato tantissime persone: ecco tutti i consigli per curarlo e renderlo incantevole

La parola Bonsai è di origine giapponese: bon significa vaso e sai coltivare. Il bonsai, infatti, è l’arte di coltivare queste piante, non il nome della pianta in sé, anche se ormai è comune riferirsi in questo modo al vegetale. Considerati un simbolo incontrastato di energia, vitalità e serenità, i bonsai se vengono trattati con grande cura possono vivere per molti anni, conferendo alla casa un tocco unico e di grandissima eleganza.

Bonsai: come curarlo

La prima cosa da tenere a mente se si vuole una crescita sana è che il bonsai va piantato nelle cassette che permettono alle radici di svilupparsi liberamente, aumentando in modo considerevole il vigore dell’albero. Da qui si passa poi alle cassette “formative”, che sono di dimensioni più piccole ed utili al rinforzamento delle radici una volta dopo aver raggiunto la lunghezza consona. Esattamente in questo momento si può procedere con un altro step che consiste nel mettere le piante nel vaso in cui verranno esposte: è consigliabile che questo contenitore abbia i buchi schermati per permettere all’acqua di drenare, in modo tale da evitare inutili marciumi. Il terreno in cui va piantato dovrebbe avere una base di sabbia grossa o ghiaia, palline di argilla espansa combinati con torba o corteccia e i fertilizzanti usati per rinforzare la pianta dovrebbero essere preferibilmente di origine organica e naturali.

bonsai-consigli-per-curarlo-potatura

Per garantire poi una crescita corretta, sono necessarie diverse ore di luce diretta o leggermente filtrata da una finestra: il buio infatti può rivelarsi letale per questa pianta. Per la manutenzione e la cura sono richiesti attrezzi particolari, come la fresa concava per potare a filo, le cesoie di varie dimensioni, le pinze e fili di rame per contenere i rami all’inizio. Un altro aspetto da non dimenticare riguarda la potatura delle foglie che deve essere stagionale, in modo tale da garantire alla pianta una crescita corretta e ordinata: questa pratica va fatta di primavera ed autunno. Infine, per bagnare il bonsai, è necessario usare un annaffiatoio, essendo certi di lasciare la base umida, ma non eccedendo oltre. Seguendo con attenzione tutti questi passaggi, il bonsai crescerà sano, vivendo una vita all’insegna della forza e dell’equilibrio.

Bonsai: tutti i consigli per curarlo e renderlo bellissimo