Lilith, la storia mitologica e senza tempo della prima donna ribelle

La prima Eva, la prima donna indipendente, la prima vera ribelle: il mito di Lilith ci racconta un desiderio di affermazione e autodeterminazione che non ha tempo

Lunghi capelli rossi, pelle di luna e occhi tra l'azzurro e il verde, che potevano diventare caldi come un cielo d'estate o gelidi come il ghiaccio: stiamo parlando di Lilith, figura al confine tra il mitologico e il religioso la cui storia ci lascia intendere come autodeterminazione e femminismo abbiano radici lontane, antiche.

Sulla carta, la storia di Lilith nasce con la religione ebraica. Lei, bella come un raggio di sole, sarebbe stata creata allo stesso modo di Adamo: Dio avrebbe preso della terra, l'avrebbe modellata e le avrebbe dato vita con l'intento di realizzare due creature perfette e alla pari.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lilith, la storia mitologica e senza tempo della prima donna ribelle