Che differenza c’è tra latte intero e parzialmente scremato

Che differenza c'è tra latte intero e parzialmente scremato? Alla scoperta delle distinzioni che caratterizzano questi due prodotti immancabili a colazione

Che differenza c’è tra latte parzialmente scremato e intero: questo prodotto viene realizzato dalla mungitura di animali che godono di un eccellente stato di salute. La mungitura può essere di tipo regolare, ininterrotta e completa. Il latte è caratterizzato dalla sua consistenza liquida, grazie alla quale è possibile assumerlo come una vera e propria bevanda. Questo prodotto garantisce un alto tasso energetico, il quale contiene maggiori calorie della birra, del vino e di altre bevande come la coca cola, l’aranciata ed i succhi di frutta.

Gli amanti del latte, infatti, sono soliti consumare questa bevanda quotidianamente quasi come fosse acqua. In realtà questo prodotto è un derivato animale composto da un alto contenuto di proteine, grassi e colesterolo. Nonostante il latte sia un’eccellente fonte di nutrizione a base di fosforo e calcio è consigliabile assumerlo in maniera moderata, poiché un consumo eccessivo potrebbe causare uno squilibrio calorico e aumentare il livello di colesterolo. Allo stesso tempo il latte potrebbe incidere sull’equilibrio degli acidi grassi, aumentando quelli saturi.

Ma che differenza c’è dunque tra latte intero e parzialmente scremato? Queste tipologie si distinguono principalmente in base al contenuto dei trigliceridi e colesterolo. Il latte parzialmente scremato si ottiene grazie ad un procedimento fisico che suddivide le componenti grasse da quelle idrofile. Le industrie ricorrono al metodo della centrifugazione per estrarre dal latte intero il fattore lipidico, separandolo dalle componenti grasse. E’ proprio la tecnica della centrifugazione dunque a dare origine al latte parzialmente scremato. Il valore energetico del latte può variare in base al grado di scrematura, ovvero un basso contenuto lipidico equivale ad una ridotta quantità di calorie.

Pertanto una volta compresa la differenza tra latte intero e parzialmente scremato ci si chiede qual è il prodotto più indicato. Si tratta di una scelta piuttosto semplice, poiché escluse problematiche relative ad un alto tasso di colesterolo o patologie vascolari, basterà scegliere il latte in base al proprio gusto personale. Per coloro che invece sono affetti da colesterolemia elevata, è consigliabile prediligere il latte parzialmente o totalmente scremato, al fine di diminuire la quantità di acidi grassi saturi.

Che differenza c’è tra latte intero e parzialmente scremat...