B&B: budini e bavaresi

Uova, latte e zucchero se legati, con fecola o gelatina, dalle mani di un pasticcere si trasformano nella libidine fatta dessert: il budino. E’ il più tipico dei dolci al cucchiaio di tradizione italiana, specialmente nella sua variante preparata con riso o semolino.

Il budino cuoce per 30/40 minuti negli stampi appositi a bagnomaria. Durante la cottura per evitare che l’acqua tracimi e si mescoli al composto è buona norma chiudere il recipiente.

Bonet, crème caramel, crème brûlée e crema catalana sono sempre della stessa famiglia dei budini, creme cotte e "solidificate", aromatizzate con cacao, amaretti, vaniglia o frutti di bosco.

Non può mancare in questa lista la panna cotta, che è preparata con un composto di panna, semi di vaniglia, zucchero e gelatina, senza uova e accompagnata con salse al caramello o coulis di frutti rossi (purea di frutta zuccherata).

Più fresche e "leggere" dei budini le bavaresi sono le varianti francesi dei dolci al cucchiaio, fatte con una base di panna e un frullato di frutta fresca oppure aromatizzate con caffè, cioccolato e spezie. Per dare un’idea delle proporzioni, per preparare una bavarese per quattro persone: 3 dl di panna fresca, 250 gr di passato di frutta, 125 gr di zucchero al velo, il succo di un limone e 8 gr di gelatina in fogli.

Per valorizzare l’aspetto estetico e accostare gusti morbidi a sorprese croccanti i budini e le bavaresi possono essere serviti in monoporzione, magari in bicchieri o coppe trasparenti, appoggiando sul fondo biscotti e frutta in pezzi.

 

B&B: budini e bavaresi