Come scegliere la cucina ideale: consigli utili

Organizzare gli spazi, scegliere i materiali giusti: tutte le dritte per non sbagliare cucina

Non è semplice scegliere una cucina, specialmente se si ha intenzione di “viverla” e non lasciarla inutilizzata, ferma a prendere la polvere. Fuochi, forno, cappa, cassetti, piano di lavoro, posti a sedere, armadietti dove riporre pentole e provviste alimentari, lavello: quanti sono gli elementi a cui bisogna pensare. È meglio il lavello di acciaio, quello di ceramica o di fragranite? Fuochi tradizionali o piastra elettrica? Ecco i consigli Lyndy Redding dalle pagine dell’Independent. Lyndy ha frequentato la nota Tante Marie School of Cookery e dirige un’azienda di catering di lusso,  quindi di cucine se ne intende.Come scegliere

– La prima cosa è pensare a quanto la sfruttate. Vi intrattenete giusto il tempo per cucinare e consumare i pasti o è la parte della casa che più sfruttate, perché è qui che guardate la tv, studiate, lavorate, navigate col portatile? Oppure come Carrie Bradshaw nel forno mettete i maglioni? I bambini ci fanno i compiti? Questo è importante soprattutto se state acquistando o ristrutturando casa. Se ci trascorrete molto tempo è utile che sia spaziosa: meglio sacrificare un soggiorno poco utilizzato che avere una cucina “mini”.
Organizzare lo spazio. Lyndy suggerisce di posizionare piano di lavoro, frigorifero, forno e fornelli vicini.
– Avere a portata di mano i contenitori per la raccolta differenziata: rifiuti organici, plastica, carta, vetro, materiale non riciclabile.
– Il piano cottura deve avere cinque fuochi. Al posto di porre il forno sotto di essi, se si ha lo spazio lo si può incastonare in una colonna, in modo da evitare di piegarsi continuamente. Così sarà anche più semplice tenere d’occhio la cottura dei cibi. Sotto i fornelli invece si possono mettere dei cassetti per pentole ed altri utensili.
– Per il pavimento vale la regola “l’importante è che sia facile da lavare”, in più che sia resistente e durevole.
– Investire sulle pentole: una buona pentola è un bene durevole, inoltre deve essere facile da lavare. Questi sono elementi indispensabili per un cuoco. L’acciaio inossidabile è il materiale che va per la maggiore. Da brava cuoca professionista la Redding consiglia pentole e padelle “copper-bottomed” con il fondo esterno di rame, poiché questo materiale costituisce un ottimo conduttore.
– Infine il lavello. Se ha due vaschette è decisamente più comodo, così si possono lavare le stoviglie in una e sciacquarle nell’altra. Ogni materiale ha i suoi pregi e difetti, vi suggeriamo noi: la ceramica è un classico ma di scheggia. L’inox è certamente bello da vedere ma richiede una pulizia frequentissima e delicata se lo si vuole sempre al top. L’alternativa è la fragranite, un materiale sintetico, resistente ed esteticamente bello.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come scegliere la cucina ideale: consigli utili