Come pulire l’acciaio

Pulire l'acciaio? Alla scoperta di alcune soluzioni efficaci, al fine di donare brillantezza e lucidità a questa superficie difficile da trattare

Pulire l’acciaio non è affatto semplice, poiché a volte gli aloni tendono a persistere per lungo tempo. Questa superficie, infatti, tende a sporcarsi molto facilmente e pulirla può essere molto faticoso. In realtà attraverso dei semplici rimedi naturali è possibile eseguire una perfetta pulizia dell’acciaio ossidato dallo sporco più tenace. Questi trucchetti valgono per qualsiasi accessorio composto da questo materiale, come la cappa, varie superfici ed i ripiani della cucina. Generalmente si pensa che l’acciaio sia un metallo, ma non è affatto così.

Questo materiale in realtà prende origine dalla combinazione di un metallo e di un non metallo, i quali vengono strutturati dal ferro e dal carbonio. Il più raro è sicuramente l’acciaio ossidato, poiché quello più diffuso è l’acciaio inossidabile, comunemente chiamato acciaio inox. La sua caratteristica principale è proprio quella di garantire durabilità e dunque di non arrugginirsi nonostante sia esposto all’acqua o all’aria. Pulire l’acciaio ossidato prevede innanzitutto di evitare l’uso di candeggina o di altri detersivi contenenti sostanze abrasive.

E’ consigliabile optare per del bicarbonato di sodio e strofinarlo con cura lungo le zone interessate, dove persistono le macchie. Se invece si desidera pulire l’acciaio satinato è possibile realizzare una miscela con la stessa quantità di succo di limone e acqua ossigenata. Basterà unire questi ingredienti all’interno di un contenitore e strofinare la soluzione lungo la superficie di acciaio satinato. Questo procedimento è particolarmente efficace e può rivelarsi utile anche per altri tipi di accessori come gioielli in acciaio. In alternativa si può optare anche per dei semplici detergenti naturali, evitando l’uso di prodotti chimici.

E’ possibile pulire l’acciaio attraverso l’utilizzo di aceto e cenere di camino. Non è da sottovalutare anche il caffè, il quale può garantire risultati stupefacenti. Quest’ultimo, infatti, può essere utilizzato per sgrassare la superficie oppure per eliminare le materie organiche bruciate che tendono a formarsi sulle griglie in acciaio o sulle pentole. Se avanza del caffè dunque è preferibile non buttarlo e lasciarlo agire sulle parti in acciao, al fine di rimuovere lo sporco. Per eliminare eventuali aloni o per igienizzare la cappa, l’aceto è la soluzione ideale.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come pulire l’acciaio