Dieta con riso al cavolfiore per controllare il peso

Ottima alternativa al riso bianco, questo piatto è semplicissimo da preparare ed è un portentoso alleato della linea

Perfetto per chi vuole tenere sotto controllo i carboidrati e dimagrire senza rinunciare al gusto, il riso al cavolfiore contiene vitamine, minerali e, per quanto riguarda l’aspetto, è in tutto e per tutto simile al riso vero e proprio.

La preparazione è molto semplice. Si inizia lavando e asciugando una testa di cavolfiore e si prosegue tagliandola in quattro pezzi di grandi dimensioni. Questi ultimi, devono essere grattugiati con la stessa grattugia che si utilizza per il formaggio.

In questo modo, è possibile ottenere dei pezzi delle medesime dimensioni dei chicchi di riso cotto (in mancanza della grattugia si può utilizzare il robot da cucina). A questo punto, bisogna rimuovere l’umidità utilizzando un panno di carta assorbente. Il riso al cavolfiore è pronto e può essere consumato crudo o saltato in padella con un filo d’olio.

Cosa si può dire in merito ai suoi benefici? Tra i principali è possibile citare indubbiamente il basso contenuto di carboidrati. Giusto per dare qualche numero in merito ricordiamo che, in poco più di un etto di cavolfiore, troviamo solo 3 grammi di questi nutrienti (il riso bianco ne apporta una quantità quasi venti volte superiore).

Inoltre, il cavolfiore è un ortaggio notoriamente ipocalorico (parliamo di 25 calorie per singolo etto). Questa caratteristica, unita all’alto contenuto di acqua, permette di definirlo un alimento a bassa densità energetica.

Come evidenziato da uno studio del 2016 condotto da un’equipe attiva presso la Poznan University of Medical Sciences (Polonia), i cibi con questa peculiarità favoriscono il calo ponderale grazie alla riduzione della sensazione di fame e all’ottimizzazione dei livelli di sazietà.

Considerato una delle migliori alternative al riso bianco, il riso al cavolfiore rappresenta pure un’eccellente fonte di fibre. Questi nutrienti, come ben si sa, oltre ad aiutare il raggiungimento della sazietà – con vantaggi per il peso – sono cruciali per tenere sotto controllo l’assorbimento dei carboidrati e del colesterolo.

Degna di un cenno è poi la presenza di colina. Questa molecola, conosciuta anche con il nome di vitamina J, è importantissima per la salute del fegato e, esattamente come le fibre, è preziosa quando si tratta di tenere a bada il colesterolo. Concludiamo ricordando che prima di iniziare a consumare il riso al cavolfiore – che può pure essere utilizzato come base per il porridge – è opportuno consultare il proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con riso al cavolfiore per controllare il peso