Curarsi con una passeggiata nella natura è meglio che curarsi con una medicina

È semplice, alla portata di tutti ed è gratuita: la passeggiata ci salverà la vita

È la panacea di tutti i mali, dal sovrappeso al diabete, dal colesterolo ai dolori dell’artrosi ai disturbi dell’attenzione, è semplice. alla portata di tutti ed è gratuita: la passeggiata. Camminare ci salverà. Un’ora al giorno, tutti i giorni e per tutta la vita è quello che i medici più all’avanguardia e scrupolosi raccomandano ai loro pazienti, oltre ai soliti consigli alimentari.

Ed è ciò che il dottor Robert Zarr – della Unity Health Care Health Center di Washington – consiglia vivamente ai suoi pazienti. È importante portarci sopratutto i bambini che ne traggono grandi benefici. Secondo le teorie di questo pediatra di Washington se la passeggiata si svolge a contatto con la natura, ci fa capire meglio le emozioni e camminare ci rende felici, quiandi la salute è del tutto salva. I suoi consigli medici rivoluzionari stanno facendo scalpore negli USA e ne ha parlato anche il Washington Post.

Le conseguenze della vita sedentaria sono ormai una piaga profonda in America, ma anche in Europa non siamo messi meglio ed è meglio cominciare a seguire i suoi consigli semplici e gratutiti. Per Zarr le cure naturali hanno anche un’evidenza scientifica e ai suoi pazienti – soprattutto quelli senza assicurazioni mediche – invece di prescrivere medicinali come il Ritalin e altri farmaci antidepressivi – consiglia di vivere in modo sano e attivo. La sua ricetta più o meno suona così:  “Una bella passeggiata immersi nel verde, una volta al dì, prima dei pasti.”

A volte però trovare un luogo in cui passeggiare nel verde non è così semplice, ma questo medico non si è perso d’animo e ha messo in piedi un sito web in cui censisce e monitora ogni spazio verde della sua città: giardinetti, parchi urbani o aree incolte. Valuta accessibilità e sicurezza e inserisce tutto in un database organizzato per codice postale, dando così una mano ai suoi pazienti. Per ogni area verde suggerisce cosa si può fare: passeggiata, jogging, calcio, arrampicata e via così, infine segue con un follow up i pazienti che si rivolgono a lui.

Rivoluzionario o pioniere che sia, il dottor Zarr deve essere un esempio per tutti perché il movimento fisico e il contatto con la natura possono salvarci la vita.

Curarsi con una passeggiata nella natura è meglio che curarsi con una...