PROMO

Smartworking e bellezza. Come prendersi cura di sé

Le luce emanata da computer, smartphone e altri dispositivi elettronici può rovinare la tua pelle. Se in questo periodo stai lavorando da casa, non trascurare la tua beauty routine. Ecco i comportamenti e i cosmetici più efficaci da usare in quarantena.

La quarantena ci impone di rimanere in casa e limitare le uscite solo alle necessità. Così, molte di noi lavorano in smartworking, magari rimanendo in tuta o addirittura trascurando la skincare. Questo è un grave errore: mai come ora, la nostra pelle ha bisogno di essere curata e coccolata come si deve.

Nonostante non sia strettamente a contatto con smog e agenti atmosferici, la cute è messa a dura prova anche in casa: esistono diversi fattori che possono rovinarla. Uno dei più pericolosi, ma meno conosciuti, è la luce blu emanata dagli schermi elettronici di computer, smartphone e altri dispositivi.

Cos’è la luce blu e perché danneggia la pelle

Hai mai sentito parlare di luce blu? Se lavori in smart working, rimanendo ore davanti al computer, dovresti imparare a conoscerla e soprattutto iniziare a proteggerti adeguatamente. Gli esperti la chiamano anche HEV, acronimo di High Energy Visible. È un particolare tipo di luce presente in natura ma emessa soprattutto dai led presenti nelle lampade e negli schermi elettronici.

Un’eccessiva esposizione alla luce blu può danneggiare, non solo l’umore o gli occhi, ma soprattutto la pelle perché causa un invecchiamento cutaneo precoce. In poche parole, stimola la formazione di rughe e macchie, oltre a provocare una perdita di tono. Fortunatamente esistono diverse soluzioni per ridurre l’azione dannosa dell’HEV.

Come proteggerti dalla luce blu

Gli esperti consigliano di mantenere gli schermi il più lontano possibile dal viso e abbassare il loro livello di luminosità. Inoltre, molti dispositivi possiedono la funzione “Filtro Luce Blu” che sovrappone uno strato di colore rossastro allo schermo e quindi riduce gli effetti negativi. Naturalmente bisognerebbe utilizzare i dispositivi poche ore al giorno, evitando ambienti bui, dove la luce blu risulta più pericolosa.

Ma il nemico si combatte anche a tavola scegliendo alimenti anti-ossidanti come carote, kiwi, pomodori, e frutti rossi. Inoltre, potresti sorseggiare una tazza di tè verde mentre lavori al computer: è perfetto per ritardare l’invecchiamento cellulare. Oltre alle buone abitudini e un’alimentazione corretta, non dimenticare di curare la tua pelle con i cosmetici più efficaci.

Fonte: 123RF

Beauty routine anti-luce blu: i migliori prodotti per la mattina

La mattina ha l’oro in bocca, ed è proprio in questo momento della giornata che la nostra epidermide ha bisogno di attenzioni. Fin dal mattino, è fondamentale purificare la cute del viso con un detergente delicato, per poi applicare una crema idratante. In commercio esistono tante alternative capaci di combattere luce blu e non solo. Una di queste è Cityzen Detox Cream, che grazie a una composizione a base di estratti vegetali, protegge la cute dalla luce blu, ma anche da smog e dai raggi UV. Quindi può essere un’ottima soluzione anche per chi ha una terrazza o un giardino in casa e desidera trascorrere qualche ora all’aperto e prendere un po’ di sole senza rischi.

Tutto ciò è possibile grazie ad una formulazione ricca di benefici: nella crema troviamo il tarassaco che ha proprietà detossinanti, il seme di moringa che protegge da stress ambientali e anche l’acqua di cocco disidratata, che è ricca delle vitamine del gruppo B, vitamina C e minerali antiossidanti che permettono alla pelle di rimanere giovane ed elastica. Il fiore di nasturzio e la vitamina E stimolano l’ossigenazione della cute e contrastano la formazione di radicali liberi. Infine, l’azione dell’olio d’oliva e dell’olio d’avocado contribuiscono a nutrire ed elasticizzare la cute.

La crema è all day, cioè perfetta sia per il giorno che per la notte, quindi si può utilizzare anche prima di andare a dormire. Infine, per avere un viso sano e levigato, ti consigliamo di fare uno scrub almeno una volta a settimana per eliminare le cellule morte. In seguito, applica una maschera detossinante per rinforzare le naturali difese dell’epidermide. Con questi consigli, potrai lavorare in smart working senza temere per la salute della tua pelle.

In collaborazione con Mediterranea Cosmetics

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Smartworking e bellezza. Come prendersi cura di sé