Orietta Berti, il suo riscatto: “Prima nell’ambiente mi schivavano tutti”

Orietta Berti è stata incoronata come star dell'anno eppure la sua carriera non è stata sempre sfavillante come lo è adesso

Orietta Berti è stata incoronata come star dell’anno che abbiamo appena salutato: il 2021 è stato un anno ricchissimo di soddisfazioni per la cantante, che ha collezionato un successo dopo l’altro. Prima la partecipazione al Festival di Sanremo, poi il tormentone estivo con Achille Lauro e Fedez – sulle cui note abbiamo anche accolto il 2022 durante il countdown nello show L’anno che verrà – senza considerare le ospitate in tv: Orietta Berti è uno dei volti più amati del piccolo schermo (e non solo).

Orietta Berti, il successo esplosivo

Il successo le è letteralmente esploso tra le mani, ma non ha avuto ancora il tempo di realizzare appieno ciò che le sta accadendo: Orietta Berti ne ha parlato in una lunga intervista al Corriere della Sera.

Non ho il tempo di godermelo fino in fondo – ha raccontato la cantante -, lavoro tutti i giorni, ho registrato spot pubblicitari, faccio tante trasmissioni tv: vado tutte le domeniche da Fazio, per Antonella Clerici sono la coach a The Voice Senior, e poi sono stata all’estero, dove ho girato delle puntate fantastiche con Sandra Milo e Mara Maionchi, il programma si intitola Quelle brave ragazze e sarà su Sky a primavera”.

Orietta Berti, oltre che una delle cantanti più celebri del panorama italiano, è anche uno dei personaggi più amati del piccolo schermo: è stata tre volte a Quelli che il calcio, ha partecipato cinque volte a Buona Domenica, senza dimenticare la presenza fissa a Che tempo che fa con Fabio Fazio. “Quando abbiamo finito il primo anno di Buona Domenica – ha rivelato – sono andata da Costanzo a ringraziarlo e lui mi ha detto: ‘Orietta, in questo ambiente non devi ringraziare nessuno, perché se tu non mi facevi audience, se tu non mi facevi comodo, io ti avrei lasciata a casa e invece ti ho confermato anche per l’anno prossimo’”.

Orietta Berti, le delusioni della carriera

Ma non sempre la carriera di Orietta Berti è stata sfavillante come lo è oggi:”Ero come mio papà, talmente timida che non mi usciva la voce”, ha confessato, ammettendo che la sua professoressa di solfeggio sosteneva che fosse stonata. Ma fu il suicidio di Tenco che cambiò tutto: “È un episodio che ha segnato me personalmente e la mia carriera. C’è stato un periodo in cui nell’ambiente mi schivavano tutti“.

Adesso si sta godendo questo ritorno sotto i riflettori, dopo anni decisamente meno frenetici, e anche il suo percorso non iniziò con grandi soddisfazioni personali. Basti pensare alla sua canzone di più grande successo, Fin che la barca va, su cui ha fatto una confessione inaspettata: “Io volevo una canzone d’amore e a me quel testo non piaceva. L’ho fatta a malincuore, meno male che mi ha convinto mia mamma”.

Il riscatto per Orietta è arrivato all’improvviso, proprio come è accaduto con l’incontro al Festival di Sanremo con Fedez, che le ha proposto di cantare insieme Mille, e la collaborazione con Fabio Fazio: “La vita regala spesso grandi occasioni: vai a lavorare con una persona che non è tua coetanea, pensi di avere poche cose in comune, eppure scopri che ci vai d’accordo e la pensi allo stesso modo”.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Orietta Berti, il suo riscatto: “Prima nell’ambiente mi schivavano...