Lizzo, che risponde al body shaming a suon di provocazioni

Lizzo, la cantante simbolo del body positive, affronta il body shaming e la grassofobia a viso aperto e corpo scoperto

Lizzo, la cantante statunitense diventata simbolo sfacciato, esibito, urlato del body positive, vittima da sempre del body shaming e della grassofobia imperante, non perde occasione per ribadire il suo messaggio e rispondere in maniera provocatoria e spudorata agli hater.

L’ultima occasione è stata il compleanno dell’amica Cardi B: Lizzo si è presentata (s)vestita con una tuta trasparente, e sotto la tuta…niente. Fregandosene delle sue curve abbondanti, dei rotolini a coprire le parti basse, dell’effetto semi “osceno”.

Perché se al primo sguardo l’outfit poteva sembrare eccessivo, inelegante, anche volgare, una ostentazione esagerata e di dubbio gusto, quello che Melissa Viviane Jefferson chiede da tempo a tutti è di non soffermarsi al primo sguardo e di ricordare come stia portando avanti da tempo un discorso più ampio: “Voglio affrontare l’odio a viso aperto e corpo (sfacciatamente) esibito” aveva detto.

“Non ho tempo per la tua negatività, il tuo odio interiorizzato che proietti su di me con il tuo razzismo e la tua grassofobia” ha postato di recente su Instagram. “Sento che solo affrontando le avversità a viso aperto riesco a superarle”.

L’amica Cardi B le ha detto: “Lascia che la tua rivincita sia la musica”. E così è stato: “Rumors” cantata proprio insieme a Cardi, è ai primi posti della classifica Usa.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lizzo, che risponde al body shaming a suon di provocazioni