“Ho fatto un lifting e ho smesso”: la confessione di Jane Fonda è un inno al tempo che passa

Jane Fonda ha confessato di essere ricorsa a un lifting ma di essersene anche pentita, rivolgendo un messaggio ai giovani sul bello dell'età che avanza

Jane Fonda, 84 anni e non sentirli. O meglio, sentirli tutti e accettare il tempo che passa come la cosa più naturale che ci sia. Come un dono, la possibilità di vivere una fase della vita unica nel suo genere con tutte le possibilità del caso. È proprio questo il messaggio che l’attrice Premio Oscar, iconica diva di Hollywood e intramontabile paladina dell’aerobica, ha voluto lanciare nell’ultima intervista rilasciata a Vogue. Ed è quanto di più prezioso dovremmo tenere a mente tutte noi indistintamente, sia giovani che meno giovani.

Jane Fonda e quel lifting di cui si è pentita

Nello sfavillante jet set hollywoodiano è facile lasciarsi inghiottire dal tunnel della giovinezza a tutti i costi. E chi meglio di Jane Fonda potrebbe saperlo, lei che di Hollywood è uno dei volti più ammirati e celebri di sempre: oggi la diva ha 84 anni e non ha mai perso neanche per un momento lo scettro che si è guadagnata con decenni di onorata carriera. Tanti film, premi e riconoscimenti per una donna che si è sempre distinta per via del suo carattere e di una forza che l’hanno sempre portata a stare una spanna sopra alle altre.

Non c’entra la bellezza in sé, né il bel fisico frutto di un costante allenamento. C’entra soprattutto il Fonda-pensiero, che dovremmo far nostro e custodire gelosamente. Senza troppi giri di parole, com’è nel suo stile, l’attrice ha confessato nella sua ultima intervista a Vogue di aver fatto ricorso alla chirurgia plastica ma di essersene pentita: “Hai soldi. Puoi permetterti un allenatore. Puoi permetterti la chirurgia plastica. Puoi permetterti dei trattamenti per il viso. Puoi permetterti le cose che ti aiutano a continuare a sembrare giovane. Questo è vero. Il denaro aiuta. Buoni geni e un sacco di soldi, come disse una volta qualcuno. Ma poi mentre lo dico, penso che tutti conosciamo molte donne ricche che hanno avuto tutti i tipi di rifacimenti e cose del genere e hanno un aspetto terribile. Ho fatto un lifting e ho smesso perché non voglio sembrare distorta. Non ne sono orgogliosa”.

Il messaggio per i giovani contro la paura di invecchiare

Il denaro aiuta, inutile negarlo. E lo vediamo nei volti di tantissime dive di ieri e di oggi, lanciate in una perenne corsa sfrenata alla conquista dell’eterna giovinezza. Ma in fin dei conti è davvero così necessario? Non sarebbe più logico accettare il tempo che passa, con i tutti i cambiamenti che ne conseguono sia fisici che mentali? Jane Fonda ha ribadito con forza proprio questo concetto, cosa che aveva già fatto in altre occasioni rivolgendosi soprattutto alle donne e agli uomini più giovani.

Voglio che i giovani smettano di avere paura di invecchiare – ha detto a Vogue -. Ciò che conta non è l’età, non è quel numero cronologico. Ciò che conta è la tua salute. Mio padre è morto sei anni più giovane di me adesso. Sembrava così vecchio perché era malato. Aveva una malattia al cuore. Io non sono malata. Quindi ho quasi 85 anni, ma non sembro così vecchia. Quindi fare in modo che i giovani smettano di avere paura di essere vecchi, aiutare le persone a capire che solo perché hai una certa età non significa che devi rinunciare alla vita, rinunciare al divertimento, rinunciare ad avere fidanzati o fidanzate, fare nuove amicizie o qualunque cosa tu voglia fare. È ancora nel regno delle possibilità di vita per te”.

Jane Fonda e il segreto della (vera) eterna giovinezza

Sul fatto che non rifarebbe mai più un lifting né un’altra operazione simile non ha alcun dubbio. Jane Fonda ha visto con i propri occhi come tali pratiche possano creare una sorta di vera e propria dipendenza, una schiavitù dalle cui catene diventa sempre più difficile districarsi, man mano che passa il tempo. Ma allora qual è il segreto della sua eterna giovinezza?

Non spendo molti soldi in creme per il viso o cose del genere, ma rimango idratata, dormo, mi muovo, sto al riparo dal sole e ho buoni amici che mi fanno ridere. Anche ridere è una buona cosa“. E poi ci sono la dieta e le buone abitudini, essenziali nella cura di sé: “La cosa più importante per me è dormire. Dormo otto o nove ore ogni notte. Mangio una dieta abbastanza sana. Non sono rigida. Ho ridotto la carne rossa. Ho ridotto il pesce perché le scorte di pesce stanno diminuendo. Mangio verdure. Mangio insalate. Mangio cibo fresco. Sto solo attenta a quello che mangio. (…) Cammino molto e questo mi aiuta.”.