Can Yaman, il confine tra affetto e invadenza: l’appello alle fan

L’ufficio stampa di Can Yaman si rivolge a tutte le fan con un appello contro l'invadenza: "Queste manifestazioni non significano affetto"

Quand’è che si supera realmente il confine tra affetto e invadenza? Negli anni sono aumentate sempre di più le richieste di foto e autografi durante una cena o situazioni private varie come se fosse normale, tutto dovuto e guadagnato solo perché un artista lavora anche grazie al pubblico. È sempre accaduto, è giusto che gli artisti siano disponibili e gentili, ma nell’era dei social e della condivisione potrebbe essere sfuggito qualcosa come il rispetto. Almeno è quanto sta accadendo a Can Yaman.

La risposta dell’ufficio stampa di Can Yaman

Nicoletta Strazzeri, manager di Can Yaman, dopo una serie di episodi spiacevoli presso l’abitazione romana dell’attore, ha deciso una volta per tutte di lanciare un appello a quelle fan che ripetutamente superano ogni limite invadendo la privacy del loro beniamino.

Pare, infatti, che alcune persone non si limitino ad aspettarlo sotto casa, in strada, con discrezione e pazienza. Al contrario, l’attore Can Yaman ha spesso trovato sul pianerottolo di casa le sue fan, le stesse che citofonano in piena notte per chiedergli di affacciarsi e fare un saluto.

“Sempre più spesso Can trova sue fan di fronte alla porta di casa, non fuori dal portone, ma proprio davanti all’ingresso della sua abitazione. E non solo questo: spesso, chi trova il portone chiuso, citofona al suo appartamento anche durante la notte chiedendogli di affacciarsi alla finestra o di mandare un saluto”, ha spiegato Nicoletta Strazzeri.

Un comportamento certamente intollerabile che supera ogni limite della decenza e del rispetto per una persona che sicuramente deve aspettarsi richieste di foto, autografi, baci e abbracci, ma non di certo in casa propria dopo una giornata di lavoro. Per questo l’intervento di Nicoletta Strazzeri è stato necessario, perché dove non arriva in buonsenso c’è bisogno di qualcuno che lo spieghi. E lei lo ha fatto con i giusti modi, senza offendere nessuno, spiegando ai fan: “Queste manifestazioni non significano affetto ma invadenza. Se veramente stimate Can dovreste proteggerlo, fare in modo che lui viva serenamente nel nostro Paese, non che debba difendersi da manifestazioni di eccessiva invadenza dentro casa sua”.

Gli impegni che hanno portato Can Yaman in Italia

L’attore, infatti, è al momento impegnato a Palermo con le riprese della fiction Viola come il mare che andrà in onda su Rai Uno e vedrà Can Yaman accanto all’attrice Francesca Chillemi; anche in questo caso l’attore è stato assediato dai fan al suo arrivo in aeroporto e non solo, e come al solito lui è apparso disponibile e sorridente.

Parteciperà inoltre alle riprese per Sandokan, in cui Can si ritroverà al fianco di Luca Argentero e Raoul Bova. Insomma, per l’attore questo è un periodo d’oro sul lavoro e tutte queste persone che lo amano così tanto ne sono una prova. Basterebbe soltanto mantenere intatta quella sottilissima linea tra l’affetto e l’invadenza, e non sembrerebbe così facile.

Una nuova fiamma per Can Yaman?

Stando alle ultime indiscrezioni social, l’affascinante attore avrebbe una nuova fiamma. Si tratterebbe di Maria Giovanna Adamo, modella e attrice (qui tutto quello che c’è da sapere su di lei), conosciuta proprio sul set della fiction Viola come il mare.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Can Yaman, il confine tra affetto e invadenza: l’appello alle fan