Angelina Jolie, la verità dietro la dura battaglia legale contro Brad Pitt

Nuovo colpo di scena nella battaglia legale tra Angelina Jolie e Brad Pitt: l'attrice avrebbe cercato di farlo arrestare

Non si placa la battaglia legale tra Angelina Jolie e Brad Pitt e, questa volta, è l’attrice ad alzare il tiro. Come riferito dalla NBC News, la diva di Kollywood avrebbe presentato una causa anonima contro l’FBI in riferimento al mancato arresto dell’ex marito. I fatti risalgono al 2016 quando, come da lei spiegato, sarebbe stata vittima di un’aggressione in aereo da parte dell’attore e sarebbero stati coinvolti anche i loro figli.

Angelina Jolie querela l’FBI sotto falso nome: il motivo

Da Hollywood al tribunale: Angelina Jolie e Brad Pitt, una delle ex coppie d’oro del cinema americano, proseguono la loro battaglia legale che va avanti ormai da diversi anni. Dopo lo scontro per la custodia dei figli in seguito al divorzio, la querelle non finisce qui e, anzi, è la Jolie a ritornare in scena più battagliera che mai. L’attrice ha infatti presentato una causa anonima contro l’FBI chiedendo perché Brad Pitt non sia stato arrestato: lo riferisce la NBC News.

I fatti risalirebbero al 2016, quando i due attori ebbero un acceso scontro a bordo del loro jet privato: in quell’occasione il divo hollywoodiano avrebbe accusato l’ex moglie di “aver rovinato la famiglia”, secondo il rapporto dell’FBI ottenuto proprio dalla NBC News martedì. In particolare Angelina Jolie si sarebbe identificata in una certa “Jane Doe”, che avrebbe querelato il Bureau per il Freedom of Information Act chiedendo il rilascio dei documenti dell’FBI. I dettagli di ciò che viene ricercato nell’ultimo deposito non sono chiari, e un avvocato di Jane Doe avrebbe dichiarato ad aprile che non poteva commentare l’identità del suo cliente.

Nel novembre del 2016 l’FBI e il Dipartimento dei servizi per l’infanzia e la famiglia (DCFS) della contea di Los Angeles avevano chiuso l’indagine sulle accuse di aggressione fisica che coinvolgerebbe Brad Pitt. Tuttavia l’attore ha negato quanto rivelato dalla moglie e contro di lui non sono state mosse effettive accuse. Messa alle strette, Angelina Jolie si sarebbe così attivata per scoprire la verità sotto le vesti di Jane Doe. E, tramite il suo avvocato, avrebbe cercato tali documenti da anni, ma è stato tutto bloccato e ha così dovuto ricorrere a un’azione legale per ricevere i documenti necessari.

Angelina Jolie e Brad Pitt: una battaglia legale lunga e logorante

Non si placano dunque le polemiche e le tensioni tra Brad Pitt e Angelina Jolie, al centro dei riflettori internazionali per una battaglia legale destinata a protrarsi nel tempo. Solo lo scorso giugno l’attore aveva citato in giudizio l’ex moglie, accusata di aver danneggiato la reputazione dell’azienda vinicola nel sud della Francia della quale avevano acquistato insieme una partecipazione nel 2008. L’attrice avrebbe infatti venduto metà delle quote ad un estraneo, decisione che ha scatenato l’ira di Pitt.

Ben più delicata la querelle sulla custodia dei figli in seguito alla separazione, che ha più volte portato i due attori a scontrarsi in tribunale. A soffrire della guerra in famiglia è sicuramente la figlia della coppia Shiloh, scappata di casa lo scorso giugno a causa dei continui dissidi con mamma Angelina. Il motivo? I continui attacchi rivolti a papà Brad, che di fatto screditerebbero la sua figura e che non piacciono affatto alla giovane ragazza. Una lotta intestina logorante e che sta compromettendo anche i rapporti con i genitori.