Quentin Tarantino

Quentin Tarantino è un regista, sceneggiatore e produttore statunitense, definito dal noto storico del cinema Peter Bogdanovich “il regista più influente della sua generazione”. Si fa conoscere a Hollywood scrivendo le sceneggiature di film di successo come Una vita al massimo di Tony Scott, Natural Born Killers di Oliver Stone e Dal tramonto all’alba di Robert Rodriguez. Debutta alla regia nel 1992 con Le Iene, che è stato subito un grande successo, seguito da pellicole iconiche come Pulp Fiction, Kill Bill, Bastardi senza gloria, Django Unchained e C’era una volta a… Hollywood.

Nome completo: Quentin Jerome Tarantino
Nascita: 27 marzo 1963, Knoxville (USA)
Segno zodiacale: Ariete
Altezza: 1,85 m
Partner: Kathy Griffin (1995), Mira Sorvino (1996-1998), Julie Dreyfus (1998), Sofia Coppola (2003-2004), Shar Jackson (2005), Serah Henesey (2006-2009), Uma Thurman (2014), Daniela Pick (2016 - presente)
Genitori: Tony Tarantino, Connie McHugh
Pagina Instagram

FAQs e Curiosità su Quentin Tarantino

Qual è il film che più ha spaventato Quentin Tarantino?

Nonostante i film di Quentin Tarantino siano tipicamente splatter e violenti, il regista ha dichiarato che il film che più lo ha terrorizzato, tanto da piangere a dirotto, è il classico Disney Bambi, che vide al cinema a 6 anni con il suo patrigno.

L’influenza sull’industria cinematografica

Sfruttando la sua influenza sull’industria cinematografica americana, Quentin Tarantino si è spesso fatto promotore della diffusione nel mercato occidentale di film stranieri, soprattutto orientali, o di piccole produzioni di nicchia, come ad esempio Hostel, di Eli Roth, per cui è stato anche produttore e sceneggiatore.

Quanti Oscar ha vinto Quentin Tarantino?

Quentin Tarantino ha vinto due volte il premio Oscar per la migliore sceneggiatura originale, nel 1995 per Pulp Fiction e nel 2013 per Django Unchained. I suoi film, inoltre, hanno ottenuto altri 5 premi Oscar: 3 per il Miglior attore non protagonista (Christoph Waltz nel 2010 per Bastardi senza gloria, nel 2013 per Django Unchained e Brad Pitt nel 2020 per C’era una volta... Hollywood) uno per la Miglior scenografia (C’era una volta... Hollywood nel 2020) e uno per la migliore colonna sonora (The Hateful Eight nel 2016, a Ennio Morricone).

Quali elementi caratterizzano lo stile di Quentin Tarantino?

Quentin Tarantino ha uno stile unico ed inconfondibile, caratterizzato dalla ricorrenza, nei suoi film, di alcuni elementi particolari, come il c.d. mexican standoff (ossia, lo stallo tra tre personaggi tenendosi sotto tiro l’un l’altro) oppure la tecnica del “trunk shot”, ovvero la ripresa dall’interno del bagagliaio o del cofano di un veicolo, usata in molti suoi film, come Le iene, Pulp Fiction, Dal tramonto all'alba, Jackie Brown, Kill Bill, Grindhouse - A prova di morte o Bastardi senza gloria.

Le ultime notizie su Quentin Tarantino

Sharon Tate rivive grazie a Tarantino
Sharon Tate rivive grazie a Tarantino
In concorso a Cannes “C’era una volta a Hollywood”, nuovo film di Tarantino che racconta il massacro ad opera della setta di Charles Manson, nel quale morì Sharon Tate, incinta
Fobie da star
Fobie da star
Da Quentin Tarantino ad Alessia Merz, tutte le paure delle star