Sanremo 2022, cosa accade se Amadeus risulta positivo al Covid

Con il Festival di Sanremo pronto a partire, ci si chiede cosa può succedere in caso di contagio del conduttore

Una settimana esatta, manca davvero pochissimo all’inizio della 72esima edizione del Festival di Sanremo. Se ospiti, scenografia e scaletta hanno bisogno degli ultimi ritocchi per funzionare al meglio, c’è un aspetto che non può essere lasciato al caso. Nonostante i protagonisti e i diretti interessati seguano alla lettera i protocolli sanitari, la probabilità di contrarre il Covid esiste. Quando si pensa a questa possibilità non può non venire in mente Amadeus.

Un impegno televisivo non indifferente

Se a differenza del 2021, il pubblico può ritornare a riempire le poltroncine dell’Ariston a capienza piena, la pandemia, anche quest’anno condiziona la kermesse canora. La cosa certa è che non bisogna mai abbassare la guardia e pensare a ogni possibile eventualità. La conduzione della gara musicale è il sogno di ogni presentatore ma è anche un impegno faticoso che mette a dura prova il fisico. Alla cinque giorni di diretta si sommano interviste e conferenze stampa che devono essere affrontate nel pieno delle energie.

Per citare il celebre volto della Rai Antonio Lubrano “la domanda nasce spontanea”: Cosa potrebbe succedere se il conduttore dovesse risultare positivo? Preoccupazione più che lecita perché quest’anno il presentatore romagnolo si troverà solo al timone del Festival, mentre l’anno scorso ad affiancarlo c’era l’amico di sempre Fiorello, che in caso di contagio avrebbe preso tranquillamente il suo posto.

Il possibile sostituto

Anche se si può ipotizzare una conduzione da remoto, impossibile dimenticare che Carlo Conti ha condotto dal divano di casa Tale e quale show, questa soluzione per Sanremo potrebbe risultare più complicata. La macchina del Festival è molto articolata e una conduzione lontana dal palco, pur con il supporto delle co-conduttrici sembra un po’ azzardata.

Per questa edizione ancora non ci sono dichiarazioni ufficiali da parte della Rai e di Amadeus, ma secondo il quotidiano La Stampa in suo aiuto potrebbe arrivare Antonella Clerici.

I due non sono legati solo da una profonda amicizia, ma appartengono alla stessa agenzia gestita da Lucio Presta, l’Arcobaleno Tre. La scelta, anche se non confermata, sembrerebbe la più logica perché la carismatica conduttrice non si farebbe di certo spaventare dal palco dell’Ariston. Attualmente impegnata su Rai Uno dal lunedì al venerdì con il programma È sempre mezzogiorno, ha concluso con successo il programma The Voice Senior e in ogni occasione ottiene sempre un grande riscontro di pubblico.

I successi della Clerici a Sanremo

Antonella Clerici infatti può definirsi una veterana del Festival di Sanremo con una conduzione in solitaria che risale al 2010. In quell’occasione ha tenuto banco per cinque serate, supportata dall’affetto del suo pubblico che l’ha premiata con ascolti degni di nota. Infatti, il suo è stato uno dei Festival più amati e seguiti grazie al modo travolgente di condurre ogni programma.

Quella del 2010, però, non è stata la prima esperienza della giornalista sul palco dell’Ariston, già nel 2005 era presente al fianco di un altro suo grande amico, Paolo Bonolis. Il Festival di Sanremo, suscita sempre un grande fascino per la Clerici. Dopo le prime due fortunate partecipazioni, ha fatto da spalla ad Amadeus durante il debutto di quest’ultimo nella kermesse canora, ma come co-conduttrice. Anche se la speranza è che Amadeus possa condurre senza problemi, l’alternativa di sicuro non scontenterebbe il pubblico.