Tutti i grazie che dovremmo dire al nostro papà

Tu sei stato, e sei ancora, la mia guida per il mondo. E non smetterò mai di dirti grazie, papà

Ciao papà, scrivo per te oggi, per ringraziarti. Utilizzo la scrittura perché non basterebbero le dita delle mie mani per tenere il conto di tutti i grazie che sono destinati a te. Perché lo so che sei un po’ rassegnato a quella storia che tutti raccontano, quella che dice che il legame tra madre e figlia è speciale e unico. Eppure io voglio rassicurarti che anche il nostro lo è.

Lo è perché mi hai messo al mondo, perché hai deciso di diventare padre nonostante le difficoltà del tempo, perché hai avuto coraggio ad assumerti quel ruolo, a scommettere su di me. Anche se non mi avevi mai guardata negli occhi, tu già mi amavi.

Io forse ci ho messo un pochino di più a innamorarmi di te, ma è bastata poco affinché trovassi nei tuoi occhi quello che stavo cercando: la mia guida per il mondo. Ed è per questo che devo dirti grazie papà, per avermi accompagnato verso l’esplorazione, per avermi resa curiosa e coraggiosa, per avermi fatto desiderare di diventare come te. E oggi posso dire che quella missione è compiuta.

E allora non mi resta che dirti grazie papà, per esserci stato in tutti i momenti più importanti della mia vita. Per esserti interessato alle mie cose, per essere stato curioso ma mai invadente. Grazie per aver rispettato i miei momenti di solitudine e per aver capito che alcuni segreti potevo confessarli solo a mamma.

Grazie per avermi coccolata e anche per avermi sgridata qualche volta, pur senza mai mortificarmi. Mi hai sempre detto che i miei errori altro non erano che un’opportunità per migliorare e imparare, e io ti ho creduto. E ho fatto bene.

Grazie di avermi supportata nelle mie scelte di vita, anche se forse immaginavi un futuro diverso per me. Il tuo sostegno è stato di vitale importanza per me. E grazie anche per aver giocato con me, anche quando tornavi stanco da un turno di lavoro pesante e ti ritagliavi le ultime ore della giornata per sederti a terra, sul pavimento, e farmi ridere.

Grazie per essere stato protettivo e premuroso, ma per avermi lasciato libera di scegliere e di commettere i miei errori. E grazie soprattutto per per avermi tenuto la mano e per aver avuto il coraggio di lasciarla per permettermi di crescere.

Grazie per il legame che sei riuscito a creare tra noi. Grazie per tutto quello che sei, papà.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tutti i grazie che dovremmo dire al nostro papà