Come interpretare i disegni di bambini

Per scoprire stati d'animo e pensieri reconditi bisogna studiare la creatività infantile

Disegni e scarabocchi ma anche i racconti, fatti dai bambini vanno interpretati sempre letteralmente? Grafologi e psicopedagogisti sono da sempre attenti al modo in cui si manifesta la creatività infantile, perché mette in evidenza stati d’animo e atteggiamenti psicologici non esplicitati sul piano discorsivo.

Alberi, case, fiori e persone di famiglia, in linea di massima, sono i temi prediletti dai bambini alle prime armi con matite e pennarelli. Siete in grado di decrittarne gli eventuali significati reconditi? Per darvi una dritta, partiamo dai due principali soggetti basic.

Dell’albero, per esempio, è utile notare la collocazione all’interno del foglio, le caratteristiche della chioma (rappresenta l’apertura del bambino verso l’ambiente esterno) e la presenza di fiori, farfalle, nidi e altri piccoli insetti, le radici, che alludono all’affettività e al rapporto con la madre. Un albero piccolo rivelerebbe un pizzico di timidezza e introversione, uno grande, al contrario, denota entusiasmo e apertura. Se è disegnato in alto, è segno di fantasia e tendenza al sogno. Al centro della pagina è sintomo di egocentrismo, in basso evidenzia insicurezza e bisogno di protezione. Se ha le radici o anche un nido sul tronco, indica attaccamento familiare, soprattutto alla madre. La frutta attaccata ai rami è indice di generosità ed estroversione, c’è insicurezza, invece, se la frutta è sospesa nella chioma.

Fiori e funghi alla base del tronco sono il segnale positivo di un rapporto armonioso con la famiglia e con la natura. Le farfalle, invece, evidenziano senso estetico e romanticismo. Foglie cadenti esprimono malinconia, le foglie singole sui rami indicano invece un carattere attivo e intraprendente. Il sole (vicino all’albero o alla casa) rappresenta la figura paterna. Se l’albero disegnato è un abete, il bambino esprime un forte attaccamento alla famiglia, bisogno di protezione, grande affetto e generosità.

Nei disegni di case, anche l’uso dei colori è indicativo: giallo, arancione, verde, rosso (specie sul tetto), indica apertura verso il nuovo. Colori scuri indicano tensione emotiva nel luogo principe che ospita la famiglia. Casa stretta e tetto molto a punta indicano un temperamento spigoloso, un sole molto grande indica un forte legame con una figura parentale. Il tracciato pesante è caratteristico dei bambini piccoli, se è una costante anche dopo indica forza di carattere o anche ostinazione, mentre il tratto ripassato può rivelare una preoccupazione di fondo.

Fonte: DiLei

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come interpretare i disegni di bambini