Amelia Windsor, la lady ribelle sfida Kate Middleton e Meghan Markle

Ha una passione sfrenata per la moda, ha conquistato le copertine e migliaia di follower con le sue foto definite da ribelle, ma ha un cuore d'oro

Amelia Windsor è stata definita “la più bella della Famiglia Reale” e la stampa inglese la considera la degna erede del principe Harry per quell’aria ribelle e da scapestrata, che era tipica del fratellino di William, che oggi, grazie a Meghan Markle ha messo la testa a posto. Bella, bionda, mondana, Amelia ha solo 27 anni ma, la nipote della Regina Elisabetta, si sta facendo strada in fretta nelle cronache anche per il suo impegno per la moda sostenibile, un tema caldo del 2022.

Chi è Lady Amelia Windsor

Amelia Windsor, nipote della Regina Elisabetta, è nata il 24 agosto 1995. A soli 20 anni ha conquistato la copertina di Tatler e da allora moltissime altre. Sul suo profilo Instagram, dove mostra ogni aspetto della sua vita, si percepisce un’anima viva, amante del bel mondo e delle feste, ma anche attenta a tematiche importanti come quelle ambientali.

Lady Windsor pubblica foto che la ritraggono scatenata alle feste, mentre beve cocktail a Notting Hill (è nota la sua passione per il Bloody Mary) o fuma sigarette nella vasca da bagno, posa coi vip e in outfit super glamour. È sicuro che non ha intenzione di essere messa in ombra dalle “principesse di stile” più attempate quali Meghan Markle e Kate Middleton.

Ma come è imparentata con la Famiglia Reale? Amelia è figlia di George Windsor, conte di St Andrews e della contessa Sylvana Palma Tomaselli. Suo nonno, Edward, duca di Kent, è cugino di primo grado della Regina Elisabetta. Dunque, lei è una lontana cugina di William e Harry.

Secondo il Daily Mail è lei la più scapestrata della famiglia Windsor, per via della sua passione per i party sugli yacht, i bikini succinti e gli shorts floreali. I soliti tabloid, il suo profilo social non è differente da quello di tante ragazze della sua età. La nipote del cugino di Elisabetta parla diverse lingue, tra le quali francese e italiano, che ha studiato all’università di Edimburgo.

Amelia è decisamente diversa dalla nonna Katharine Worsley, di una bellezza eterea, nota per la sua compostezza e delicatezza dei modi. Ricordata da tutti perché consegnava tradizionalmente il trofeo ai vincitori di Wimbledon. Anche se possiede pure lei una certa vena ribelle: infatti, è stata la prima, tra i più importanti membri della Famiglia Reale a essersi convertita al cattolicesimo nel 1994.

La passione di Amelia Windsor per la moda (meglio se sostenibile)

Il suo sogno nel cassetto è lavorare nel mondo della moda a Parigi e pare lo stia realizzando alla grande. Tanto che ha definito il suo stage da Chanel nel 2013 una delle più belle esperienze della sua vita. Dolce & Gabbana l’ha scelta per la campagna 2017 e nel 2018 ha già sfilato alla Fashion Week di Milano. Intanto ha un contratto con la Storm Model Management, la stessa agenzia di Kate Moss.

Amelia Windsor è 42esima nella successione al trono britannico. Ed è soprannominata la pecora nera della famiglia Windsor dai giornali scandalistici, anche se, invece, è molto apprezzata dagli altri per il suo impegno per l’ambiente e la moda sostenibile, della quale è diventata paladina.

Non solo, da poco è diventata anche testimonial di una linea di gioielli del brand Salome, anch’essi sostenibili, e che portano proprio il suo nome. Amelia è madrina di varie organizzazioni benefiche, insomma, oltre all’aspetto, c’è molto di più, e non dobbiamo assolutamente perderla d’occhio.