Bicarbonato, limone e aceto: detergenti naturali per le pulizie di casa

Con un po' di ingegno e gli ingredienti giusti, pulire casa senza dimenticare sostenibilità e risparmio è un gioco da ragazze

Pulire al meglio la casa tenendo conto di sostenibilità e risparmio: obiettivi possibili al giorno d’oggi grazie al ricorso numerosi prodotti naturali. Di cosa stiamo parlando di preciso? Di alternative come il bicarbonato, grazie al quale è possibile pulire superfici di diversi materiali, in primis l’acciaio.

Molto valido quando si tratta di pulire il forno – anche a microonde – e il frigorifero, il bicarbonato dovrebbe essere utilizzato ricorrendo a panni in microfibra. Un consiglio molto importante prevede il fatto di diluirlo in un filo di acqua tiepida.

Nei casi in cui bisogna affrontare lo sporco più ostinato, si può potenziare la sua azione antibatterica aggiungendo aceto di vino bianco. Se si ha anche intenzione di profumare gli ambienti domestici, si può preparare un vero e proprio detergente casalingo mettendo assieme 20/30 grammi di bicarbonato di sodio, 120 ml circa di aceto di vino bianco, 100 ml di acqua distillata calda e qualche goccia di olio essenziale (le profumazioni che si possono scegliere sono numerose e comprendono quella al pino, così come l’olio essenziale al limone).

Il bicarbonato di sodio è un ingrediente a dir poco versatile per chi vuole pulire casa ricorrendo a prodotti naturali. Mischiandolo al sapone liquido e all’acqua ossigenata, si può ottenere un fantastico detergente per il piatto doccia e per le piastrelle del bagno.

L’aceto bianco poco fa citato può invece essere utilizzato da solo per pulire il forno e il forno a microonde. Come bisogna muoversi in questo caso? Giocando sugli effetti del vapore, molto efficace quando si tratta di sciogliere il grasso.

Per consentire questa azione bisogna riscaldare il forno e, successivamente, introdurre un tegame con almeno mezzo litro di aceto. Dopo circa venti minuti, si interviene con un panno in microfibra imbevuto di aceto tiepido per completare la pulizia delle superfici interne dell’elettrodomestico.

L‘aceto, alleato prezioso della pulizia della casa, permette di ottenere ottimi effetti anche con il bucato. Ricordiamo infatti che, molto spesso, gli ammorbidenti normali, oltre ad essere particolarmente inquinanti, lasciano una patina oleosa che, depositandosi sulle fibre dei tessuti, crea una sensazione di morbidezza.

Questo, a lungo andare, può provocare allergie e costringere a lavare i panni più spesso. Mettendo in lavatrice l’aceto si risolve il problema. I suoi benefici sono dovuti alla presenza di acido acetico, perfetto per rendere i capi più morbidi, ravvivarne i colori ed eliminare i cattivi odori.

Tornando alla pulizia della casa, è impossibile non fare riferimento all’importanza del limone per chi vuole gestire le faccende domestiche ricorrendo a prodotti naturali ed economici. Le situazioni in cui si può utilizzare sono diverse. Tra queste è possibile citare la pulizia delle pareti interne del microonde.

Ancora una volta si sfrutta l’efficacia del vapore, introducendo nell’elettrodomestico una tazza di acqua e limone. A questo punto, si imposta il timer per 3 minuti e, una volta trascorso il tempo, si procede con la pulizia dell’interno del forno tramite un panno. Concludiamo ricordando che, strofinato direttamente sulla zona da detergere, il limone può rivelarsi portentoso quando si ha la necessità di eliminare ruggine e calcare dagli oggetti e dalla superfici in metallo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bicarbonato, limone e aceto: detergenti naturali per le pulizie di cas...