Come far germogliare e coltivare un avocado a casa tua

Voglia di sapori esotici e di freschezza naturale? Ecco come piantare un avocado a casa tua e quali sono gli accorgimenti giusti

L’avocado è un frutto di origine esotica che ha molti estimatori anche nel Bel Paese: c’è infatti qualcosa di meglio di una salsa guacamole al lime per entrare in ‘modalità estate’? È sufficiente un seme per far crescere la tua pianta di avocado e sperare di godere dei suoi frutti nutrienti e freschi, da gustare in un’insalata, oppure come accompagnamento al salmone o ai gamberi in uno sfizioso aperitivo. Non resta che leggere questa breve guida passo passo e capire come far crescere un avocado in casa.

Come coltivare un avocado a casa: germinazione

L’avocado è una pianta originaria del Centro e Sud America, i cui frutti saporiti sono ad alto contenuto nutritivo. La specificità della coltivazione dell’avocado è che il suo seme deve prima germinare in acqua e soltanto dopo può essere trasferito in vaso. Ecco come far germogliare un seme di avocado e cosa serve per farlo:

  • un seme di avocado maturo e pulito;
  • alcuni stuzzicadenti;
  • un contenitore per l’acqua.

A questo punto possiamo procedere con la fase pratica:

  • La prima cosa da fare è inserire gli stuzzicadenti lungo la circonferenza del seme, pulito e nettato, in modo tale che fungano da sostegni per appoggiarli sul bordo del contenitore e mantenere il nocciolo a mezza altezza.
  • A questo punto riempiamo il contenitore d’acqua quel tanto che basta perché la base del seme, ovvero la parte meno arrotondata, sia bagnata e immersa.
    Posizioniamo il contenitore in una posizione assolata, per esempio di fronte ad una finestra con luce diretta.
  • Attendiamo dalle 2 alle 6 settimane perché la germinazione sia completa, prestando attenzione ad aggiungere acqua all’occorrenza.

Far germogliare avocado: consigli pratici

Per quanto la procedura non sia complicata, due passaggi risultano decisivi per il successo dell’operazione ‘coltivare un avocado a casa’: la pulizia del seme e riuscire a prevenire la muffa nel seme di avocado.

  • Pulire il seme di avocado: è importante rimuovere il nocciolo dall’avocado, senza incidere la pelle marrone che lo ricopre. Laviamolo passandolo sotto l’acqua per alcuni minuti, asciugandolo con cura per togliere tutti i residui.
  • Evitare che il seme di avocado faccia la muffa: il contenitore per il seme dovrà essere trasparente, meglio in vetro, per permettere ai raggi del sole di passare e di fra crescere le radici. Il fatto che il contenitore sia trasparente, inoltre, permette di tenere sotto controllo l’eventuale formazione di muffe e funghi, che possono essere prevenuti cambiando l’acqua almeno 2 volte la settimana.

Come coltivare un avocado: cura della pianta

Quando il seme di avocado avrà cominciato a mettere su foglie e radici, le attenzioni dovranno moltiplicarsi per permettere alla tua nuova pianticella di crescere rigogliosa. Per prima cosa accertati che l’esposizione al sole sia corretta: troppa luce può danneggiare le giovani foglie, meglio una zona di mezz’ombra oppure esporre l’avocado a luce diretta soltanto per poche ore al giorno. Quando il fusto sarà alto circa 6 cm, spuntiamo per permettere alle radici di rinforzarsi. Ripetiamo questa operazione nuovamente, tagliando stavolta di circa 3 cm, quando il fusto sarà nuovamente cresciuto fino a 6 cm. Nel giro di un mese la produzione di foglie sarà intensificata e le radici saranno inspessite: è arrivato il momento di mettere a dimora la pianta di avocado.

Come piantare l’avocado a terra

Dopo aver fatto germogliare il seme di avocado e avere fatto rafforzare foglie e radici, possiamo procedere a mettere a terra la pianta utilizzando un vaso di media grandezza (25-30 cm). Riempiamo il vaso con terriccio universale mescolato ad argilla espansa, togliamo gli stuzzicadenti e sistemiamo la piantina a terra, facendo attenzione a lasciare la parte superiore fuori dal terreno. Annaffiamo abbondantemente e posizioniamo il vaso in una zona con luce e ombra, ma senza un’esposizione troppo diretta ai raggi del sole.

Il mantenimento è piuttosto semplice e richiede soltanto un’innaffiatura costante, ma senza mai inzuppare troppo il terreno e una temperatura mai inferiore ai 15°-18° C. Come vedi, coltivare un avocado in casa, sul balcone, o in terrazzo, non è nulla di complicato e con un po’ di fortuna potrai vedere crescere quel seme fino alle dimensioni di un alberello fruttuoso (si spera!).

Come piantare l’avocado in casa e… coglierne i frutti

Le tue attenzioni saranno ricompensate? Potrai cogliere davvero i frutti dell’avocado coltivato in casa? Difficile prevederlo perché le piante di avocado ci mettono circa 4 anni per diventare fruttifere, mentre quelle più ‘tardive’ ne impiegano anche 15 di anni e altre ancora non lo diventano mai. Di una cosa però siamo certi: il frutto raccolto in casa, con le tue mani, avrà un gusto decisamente diverso da quello degli alberi coltivati per scopi commerciali e il piacere di assaporarlo ripagherà ogni attesa.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come far germogliare e coltivare un avocado a casa tua