Le migliori tecniche per migliorare la concentrazione

Vediamo quali sono le migliori tecniche e i consigli per migliorare la concentrazione e l’attenzione nello studio e al lavoro

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Consigli per migliorare la concentrazione

Mantenere la concentrazione durante lo studio o il lavoro a volte può risultare particolarmente difficile. Pensieri, preoccupazioni, distrazioni minano la nostra attenzione, così come mangiare male, riposare poco o lavorare in un ambiente poco gradevole e curato.

Alimentazione

L’alimentazione è fondamentale per sostenere le funzioni cognitive e migliorare la concentrazione, l’attenzione, l’apprendimento e la memoria. La dieta deve essere dunque bilanciata e comprendere alimenti sani che coprano il fabbisogno energetico e nutrizionale.

La fonte principale di energia per il cervello è il glucosio, che deriva dalla digestione dei carboidrati, macronutrienti presenti nei cereali e in generale negli alimenti di origine vegetale come frutta, verdura e legumi. Diete eccessivamente ipocaloriche o sbilanciate – ad esempio ad alto contenuto proteico o low carb – non aiutano a far lavorare in modo adeguato il cervello che, come qualsiasi organo, ha bisogno di energia per mantenersi efficiente.

Riposo

Il riposo è un altro aspetto essenziale per assicurare concentrazione e attenzione. Dormire bene significa garantire al nostro organismo un numero di ore di sonno adeguato e ininterrotto. Ansia e stress, problemi digestivi, elementi di disturbo in camera da letto possono minare il riposo e di conseguenza peggiorare in modo significativo la capacità di far fronte agli impegni quotidiani, riducendo la concentrazione.

Creare il giusto ambiente

L’ambiente di lavoro o di studio influenza la capacità di concentrazione è l’ambiente di studio perché, in alcune condizioni, il nostro organismo subisce uno stress anche se difficilmente riusciamo a percepirlo.

In questo senso sono importanti aspetti come la temperatura e l’illuminazione. Ambienti troppo freddi o troppo caldi, poco illuminati o illuminati con luce artificiale possono portare a un eccessivo affaticamento fisico e mentale, con ripercussioni sulla concentrazione. La luce naturale è la scelta migliore o, in alternativa, si può ricorrere a luci calde.

Attenzione anche alla sedia e alla postura, alla posizione e alla luminosità del monitor del computer poiché i disagi fisici hanno ovviamente un impatto anche sull’attenzione.

Per aumentare la concentrazione, inoltre, l’ambiente può essere reso più gradevole da colori stimolanti come il giallo, l’arancione e il rosso, dalla presenza di piante, esseri capaci di ridurre lo stress, migliorare il senso di benessere e aumentare la produttività. Un ulteriore aiuto arriva dalla diffusione di oli essenziali di limone e di rosmarino, dall’aroma gradevole e tonico.

Pause o distrazioni?

Pur ricorrendo a tecniche o strategie per migliorare la concentrazione, la capacità di attenzione resta comunque limitata nel tempo. Le distrazioni continue date dalle notifiche dello smartphone sarebbero da evitare ma concedersi le giuste pause, per quanto brevi, è necessario per ritrovare la concentrazione durante il lavoro e lo studio.

Una pausa di circa quindici minuti ogni cinquanta di attività aiuta infatti a riposare la mente e a ripartire poi con slancio. Durante la pausa si può fare una breve passeggiata per riattivare la circolazione, una chiacchierata con un collega o con un amico al telefono, bere una tisana calda o gustare uno spuntino a base di frutta fresca o noci e da un quadrato di cioccolato fondente.

Tecniche per aumentare la concentrazione

Ecco due tecniche efficaci per aumentare e migliorare la concentrazione ed essere più produttivi nel lavoro e nello studio.

Meditazione

Ritagliare cinque o dieci minuti al giorno per dedicarsi alla meditazione è una delle migliori tecniche per aumentare la meditazione. Focalizzarsi sul qui e ora, cioè sul momento presente, e lasciare andare pensieri ed emozioni aiuta infatti a ridurre ansia, stress e agitazione. Praticata con costanza, la meditazione può essere utile ad allenare la propria capacità a concentrarsi e immergersi in ciò che si sta facendo senza lasciarsi distrarre da pensieri non inerenti.

Pianificazione

Pianificare le attività della giornata è una tecnica valida per riuscire a rimanere focalizzati sui propri obiettivi. La lista dovrebbe può essere scritta al mattino o, meglio ancora, la sera prima. Mettere nero su bianco ciò che si vuole raggiungere aiuta la mente ad avere una “tabella di marcia” e migliorare la concentrazione. Perché funzioni, la pianificazione dovrebbe essere realistica, altrimenti rischia di essere frustrante e causare inutili ansie. Se invece è realizzabile, ogni traguardo darà un’emozione positiva e gratificante che spronerà a mantenere la concentrazione per raggiungere quelli successivi.

Rimedi naturali

Per migliorare la concentrazione durante lo studio e il lavoro è possibile anche ricorrere a rimedi naturali dall’azione stimolante sul sistema nervoso centrale. Fanno parte di questa categoria il caffè e gli integratori o le piante contenenti caffeina come il tè verde, il guaranà e il mate o matè. Ottimi rimedi per favorire la concentrazione e l’attenzione sono poi il ginseng e la rodiola, piante dall’attività adattogena utili ad affrontare i periodi di forte stress e aumentare le proprie prestazioni nello studio o nel lavoro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le migliori tecniche per migliorare la concentrazione