Ittiolo: cos’è, a cosa serve e come usarlo

L’ittiolo è un catrame ricavato dalla distillazione di fossili marini, ricco di zolfo e utile per eliminare cisti, schegge e spine sotto pelle

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è

L’ittiolo o ictammolo è uno sostanza ottenuta dalla distillazione di una miscela di rocce sedimentarie, pesci e resti fossili marini, mescolati con zolfo. Si tratta sostanzialmente di un catrame minerale che si ricava dalla distillazione a secco di fossili marini attraverso solfonazione a ammoniazione, due procedimenti chimici. L’ittiolo è dunque ricco di zolfo, per la precisione di sale di ammonio dell'acido solfoittiolico, chiamato anche ammonio solfoittiolato. Si tratta di un composto di colore nero, con un odore forte, penetrante e caratteristico e con una consistenza particolarmente densa.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ittiolo: cos’è, a cosa serve e come usarlo