Congiuntivite allergica: cos’è, sintomi e rimedi naturali

La congiuntivite allergica è un disturbo molto diffuso e assai fastidioso, i cui sintomi possono essere alleviati anche con rimedi naturali

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è, sintomi e cause

La congiuntivite allergica è un’infiammazione che colpisce la membrana mucosa che copre la parte anteriore del bulbo oculare, nota come congiuntiva. Si tratta di una malattia scatenata dal contatto con allergeni, in particolari pollini di graminacee o di altre piante, motivo per cui chi ne soffre sviluppa i sintomi soprattutto durante la primavera. La congiuntivite allergica può però verificarsi in modo acuto o cronico anche in caso di allergie diverse, ad esempio in seguito all’esposizione a pelo di gatti, cani o altri animali.

I sintomi della congiuntivite allergica includono prurito e bruciore agli occhi, arrossamento delle palpebre e dell’interno dell’occhio, gonfiore della zona oculare, aumento di lacrimazione e di secrezioni di muco soprattutto durante la notte. La congiuntivite allergica può anche portare a disturbi temporanei della visione, tra cui un’aumentata sensibilità alla luce. Spesso può essere accompagnata da altre manifestazioni allergiche, come la rinite allergica o l’orticaria.

Sebbene sia molto fastidiosa, generalmente la congiuntivite allergica si risolve entro qualche settimana ma i sintomi tendono a ripresentarsi in maniera ciclica ogni volta che avviene un’esposizione all’allergene: quando l’organismo entra in contatto con tali sostanze, infatti, avvia una risposta immunitaria che porta alla liberazione di istamina, responsabile dei sintomi.

Prevenire la congiuntivite allergica non è semplice, poiché in molti casi è difficile se non impossibile evitare l’esposizione all’allergene che la scatena. Quando si manifestano i sintomi, però, è possibile intervenire per alleviare i sintomi, anche attraverso rimedi naturali.

Rimedi naturali

Di seguito, un elenco dei rimedi naturali più efficaci e maggiormente utilizzati per trattare la congiuntivite allergica. Si tratta di piante dall’azione antinfiammatoria e decongestionante che possono essere utilizzate da sole o in combinazione tra loro per impacchi lenitivi sugli occhi o per preparare colliri.

Amamelide

L’amamelide (Hamamelis virginiana) è un arbusto originario dell’America del Nord e appartenente alla famiglia delle Hamamelidaceae. In erboristeria si impiegano le foglie e la corteccia dall’azione antiflogistica e astringente, proprietà attribuite alla presenza di flavonoidi e tannini. In caso di congiuntivite allergica si utilizzano principalmente preparazioni note come “acqua di amamelide” per applicazioni locali e formulare gocce oculari lenitive.

Camomilla

La camomilla è uno dei rimedi naturali più utilizzati per alleviare i sintomi della congiuntivite allergica. I capolini di Matricaria recutita, nota pianta erbacea della famiglia delle Asteraceae, sono infatti conosciuti per la loro proprietà antiflogistica soprattutto a uso topico. L’azione antinfiammatoria della camomilla può essere sfruttata preparando un infuso da applicare tiepido sugli occhi attraverso un batuffolo di ovatta o una garza sterile.

Eufrasia

L’eufrasia (Euphrasia officinalis) ha un diffuso utilizzo popolare nel trattamento delle affezioni oculari, tra cui le congiuntiviti di natura allergica. Si tratta infatti di una piccola pianta ricca di flavonoidi, tannini, iridoidi e altre molecole che le conferiscono proprietà antinfiammatorie, astringenti e antiallergiche. L’infuso preparato con cinque cucchiai di eufrasia in 250 millilitri di acqua bollente si utilizza dopo filtrazione e raffreddamento per compresse, impacchi e lavande oculari da applicare o effettuare una o più volte al giorno.

Agrimonia

I fiori e le foglie dell’agrimonia (Agrimonia eupatoria), erbacea della famiglia delle Rosaceae, hanno proprietà antinfiammatorie, antisettiche, analgesiche e cicatrizzanti. Sotto forma di infuso è impiegata per preparare impacchi, lavande e colliri efficaci per alleviare le irritazioni e l’infiammazione date dalla congiuntivite allergica.

Elicriso

L’Helichrysum italicum è una piccola pianta diffusa nelle aree costiere del nostro Paese, ben riconoscibile dall’intenso profumo speziato di foglie e fiori, simile all’aroma del curry. L’elicriso vanta numerose proprietà e trova impiego nel trattamento di svariati disturbi, tra cui la congiuntivite allergica. Per trattare le infiammazioni oculari si utilizzano colliri dall’azione antiallergica a base di elicriso, da applicare all’interno dell’occhio 3-4 volte al giorno.

Fiordaliso

Il fiordaliso (Centaurea cyanus) è una pianta erbacea spontanea che produce graziosi fiori blu-violacei ricchi di flavonoidi, antociani e polisaccaridi dall’attività antinfiammatoria, astringente e decongestionante. Oltre a essere impiegati per la preparazione di colliri, i fiori di fiordaliso possono essere utilizzati in infusione per realizzare lozioni oculari da applicare sugli occhi arrossati, irritati e infiammati. Nel trattamento esterno della congiuntivite allergica, il fiordaliso è spesso associato a piantaggine e meliloto.

Verbasco

Le foglie e i fiori di verbasco o tasso barbasso (Verbascum thapsus) hanno azione emolliente e antinfiammatoria data dalla presenza di mucillagini e flavonoidi. I colliri contenenti verbasco sembrano essere efficaci nel trattamento della congiuntivite allergica poiché capaci di alleviare prurito, dolore e gonfiore, sintomi tipici di questa malattia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Congiuntivite allergica: cos’è, sintomi e rimedi naturali