Gessica, Valentina, Valeria: sopravvissute alla violenza maschile

Gessica Notaro, Valentina Pitzalis, Valeria Graci: personaggi famosi che raccontano la loro esperienza di sopravvissute alla violenza. E di come si possa rinascere

Si chiamano Gessica Notaro, Valentina Pitzalis, Valeria Graci. E sono sono alcune dei casi famosi di donne vittime e sopravvissute alla violenza degli uomini. Sia fisica che psicologica.

Gessica Notaro e Valentina Pitzalis sono entrambe vittime di uomini che hanno cercato di ucciderle, incapaci di rassegnarsi alla fine del loro amore.

Gessica Notaro, dall’inferno alla rinascita

Il carnefice della prima si chiama Edson Tavares, e il 10 gennaio del 2017 ha aspettato l’ex fidanzata sotto casa, appostato dietro una macchina, per poi gettarle addosso tutto il suo odio, nella forma dell’acido che l’ha sfigurata. Oggi per fortuna Gessica, grazie a innumerevoli interventi, è tornata bella come prima. Purtroppo ha perso un occhio ma come lei stessa ha confessato nel salotto di Verissimo a Silvia Toffanin “paradossalmente ci vede più di prima”.  Edson invece è stato condannato lo scorso dicembre 2020 dalla Cassazione a 15 anni, 5 mesi e 20 giorni di carcere. La sentenza della Cassazione ha anche confermato la sua espulsione dall’Italia a fine pena e i risarcimenti alle parti civili, ovvero Gessica e l’associazione Butterfly, che si batte contro la violenza sulle donne.

Valentina Pitzalis, la sua storia esempio di rinascita

Valentina Pitzalis, cui l’ex marito ha dato fuoco, cospargendola di benzina, il 17 aprile 2011. Manuel Piredda, così si chiamava, non è riuscito a vedere con quale forza Valentina ha saputo rinascere e diventare un riferimento per tutte le donne sopravvissute alla violenza, perché è rimasto ucciso nello stesso incendio da lui causato.

Valeria Graci, la violenza psicologica dolorosa quanto la fisica

Valeria Graci, comica e conduttrice tv amatissima (attualmente inviata di Striscia) ha raccontato con coraggio e onestà la sua esperienza di vittima di violenza psicologica che fa male quanto quella fisica. Perché sentirsi continuamente dire “non sei niente, non vali niente, senza di me non vai da nessuna parte” può annientare una persona e ridurla in uno stato di fragilità e insicurezza pericolosissimo.

Gessica, Valentina, Valeria sono solo i casi più conosciuti delle tante, troppe donne vittime di violenze maschili di ogni tipo. Ma sono anche esempi positivi, di rinascita e ripresa. E sono, oggi, più belle e più forti di prima.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gessica, Valentina, Valeria: sopravvissute alla violenza maschile