Divorzio Totti-Blasi, niente compromessi: perché la causa sarà “lunga e dolorosa”

Ilary Blasi e Francesco Totti si vedranno in tribunale il 14 marzo, ma la causa per la separazione sarà lunga e dolorosa: i motivi

La separazione tra Ilary Blasi e Francesco Totti sarà “lunga e dolorosa”. Non c’è margine per scendere a compromessi, non più, soprattutto dopo la questione legata all’antiriciclaggio. In base a quanto anticipato dai giornali, i legali dell’ex coppia sono costantemente al lavoro per trovare un accordo tra le parti, pur di non arrivare in tribunale. Ma pare che non ci sia molto spazio di manovra: l’accordo extragiudiziale, nonostante il desiderio di Totti di chiudere il prima possibile, non ci sarà.

Ilary Blasi e Francesco Totti in tribunale: c’è la data

L’udienza per la causa di separazione tra Ilary Blasi e Francesco Totti è fissata per il 14 marzo. L’ex coppia ha trascorso le vacanze di Natale per la prima volta da separati: Totti è volato ai Caraibi per Capodanno con Noemi Bocchi e i figli, Cristian, Chanel e Isabel, e la Blasi è andata invece in Thailandia, dove ha speso una cifra da capogiro insieme al suo Bastian (che tuttavia non si è mai visto in foto o stories su Instagram).

Ma le vacanze sono finite, ed è il momento di tornare alla realtà, anche se fa male, anche se la causa sarà probabilmente “lunga e dolorosa”, come ha annunciato Oggi. Totti è ritornato a Roma con Noemi Bocchi: le foto della loro vacanza hanno anche mostrato la complicità della coppia. Tra sorrisi, leggerezza e divertimenti in “famiglia”, l’ex Capitano della Roma ha ritrovato la sua felicità.

Ilary Blasi e Francesco Totti, perché l’accordo sulla separazione sta sfumando

Come Totti, che adesso abita a Roma Nord nella nuova casa con la Bocchi, anche la Blasi è tornata a Roma nella villa dell’Eur. “Mi sento rinata”, ha confessato alle amiche. Il suo rapporto con l’imprenditore tedesco Bastian Muller si sta consolidando, ma la battaglia legale sta per arrivare. Perché, secondo quanto hanno anticipato i giornali, non ci sarà la possibilità di giungere a un accordo, e i motivi sono tanti. Non ultimo l’attenzione dell’antiriciclaggio riposta sui bonifici di Francesco Totti.

Evitare una battaglia legale è l’obiettivo degli avvocati, che sanno che a quel punto le ripicche e le vendette saranno all’ordine del giorno. Come dimenticare il video di Ilary Blasi di fronte al negozio di orologi, in risposta all’accusa di aver sottratto i Rolex dell’ex marito? Non si escludono dunque ulteriori colpi di scena.

Francesco Totti, i problemi con l’antiriciclaggio

Le segnalazioni dell’antiriciclaggio su Totti, poi, avrebbero un peso sulla questione. L’ex calciatore ha scelto di non commentare la vicenda, di chiudersi nel silenzio, un po’ come aveva fatto sul divorzio, prima di rilasciare una lunga intervista al Corriere della Sera in cui parlava apertamente della Blasi e della Bocchi.

Secondo le indiscrezioni, tuttavia, sarebbe pronto a denunciare chiunque abbia violato il segreto bancario. Ciononostante, ha anche consegnato la documentazione agli inquirenti. Il 14 marzo è lontano e vicino allo stesso tempo: il faccia a faccia, alla presenza dei rispettivi avvocati, sarà lungo, probabilmente doloroso, e soprattutto darà modo ad ambedue le parti di commentare quanto avvenuto negli ultimi tempi e cercare di risolvere le questioni che sono rimaste in sospeso.