“Un amore profondo”. Olivia Newton-John, l’elogio del marito su Instagram

John Easterling, marito dell'attrice, l'ha ricordata in un lungo elogio sui social, parlando del loro grande amore, della sua empatia e del suo coraggio

La scomparsa di Olivia Newton-John ha sconvolto il mondo intero, con messaggi di cordoglio arrivati non solo dai fan e la gente comune, ma anche da tutti i volti più noti del mondo dello spettacolo internazionale. Ma sicuramente,  l’addio più bello e doloroso, è stato quello del marito dell’attrice e cantante, John Easterling, che ha scritto un toccante elogio sul suo profilo Instagram. Intanto sono stati confermati i funerali di Stato.

Olivia Newton-John: l’ultimo commovente messaggio del marito

La vicenda di Olivia Newton-John e la sua battaglia di 30 anni contro il tumore ha lasciato un segno profondo nella vita di molti, che in questi giorni hanno reso omaggio alla diva del cinema. La protagonista di Grease, che è stata attrice, cantante e ballerina e ha fatto tantissimo altro oltre al film che l’ha resa celebre, era molto amata, ma il ricordo più bello lo possiamo trovare nelle parole di suo marito, John Easterling.

“Il nostro amore reciproco trascende la nostra comprensione” ha scritto l’uomo su Instagram. “Ogni giorno esprimevamo la nostra gratitudine per questo amore, che era così profondo, così reale, così naturale. Non abbiamo mai dovuto lavorarci su. Eravamo in soggezione di fronte a questo grande mistero e abbiamo accettato l’esperienza del nostro amore nel passato, presente e per sempre.” Parole ricche di emozione, che descrivono una relazione pura, genuina, che non ha temuto il trascorrere degli anni, né l’inesorabile destino di Olivia.

“Nella sua essenza più profonda Olivia era una guaritrice, che usava i suoi mezzi di canto, di parole, di tatto. Era la donna più coraggiosa che abbia mai conosciuto. La sua capacità di prendersi cura sinceramente delle persone, della natura e di tutte le creature quasi eclissa ciò che è umanamente possibile. Nei suoi momenti più difficili ha sempre avuto lo spirito, l’umorismo e la forza di volontà per portare le cose alla luce“. Un ritratto di una persona speciale, che non si è mai lasciata abbattere dal suo male, anzi, ha utilizzato le sue energie per aiutare gli altri.

“Anche ora mentre la sua anima vola, il dolore e i buchi nel mio cuore sono guariti con la gioia del suo amore e la luce che risplende in avanti.”

L’ultimo post dell’attrice su Facebook, risalente a pochi giorni prima della sua scomparsa, era dedicato proprio al marito, con una foto della coppia stretta in un abbraccio.

John Easterling e Olivia Newton-John si erano sposati in Perù, con rito Inca nel 2008, e l’uomo è sempre stato al suo fianco in questa dura battaglia negli ultimi 14 anni. Inoltre, insieme hanno fondato la Olivia Newton-John Foundation Fund, una fondazione impegnata nella ricerca sulle piante medicinali utili nelle cure per il cancro. Infatti, anche in occasione della sua scomparsa, la famiglia ha chiesto donazioni per la ricerca invece di fiori.

Il dolore della figlia Chloe

Olivia Newton-John è stata sposata due volte, e dal primo matrimonio, avvenuto nel 1984 con Matt Lattanzi, attore e ballerino di soli 20 anni, è nata l’unica figlia, Chloe Rose, nel 1986. La ragazza ha seguito le orme dei genitori nel mondo dello spettacolo, e insieme a Olivia ha registrato lo scorso anno il duetto Window In The Wall.

Ora il dolore sta lacerando Chloe, che al momento ha scelto di non rilasciare dichiarazioni sulla scomparsa della madre, affidandosi solo a un post pieno di foto e splendidi ricordi, non trovando la forza di dirle addio.

Funerali di Stato per Olivia

Il cordoglio in tutta l’Australia è tale che il premier dello Stato di Victoria, Dan Andrews, ha proposto i funerali di Stato, idea che è stata accolta dalla famiglia di Olivia Newton-John.

Si tratterà di un concerto omaggio più che di un classico funerale” fanno sapere gli organizzatori. Per ora non è stata annunciata una data, ma si presume che comunque seguiranno dei funerali in forma privata per la famiglia. Nata in Inghilterra, aveva trovato in Australia la sua seconda patria.