Monica Vitti: l’ultima apparizione, la malattia, i funerali

Il mondo del cinema ha dovuto dire addio a Monica Vitti, scomparsa il 2 febbraio all'età di 90 anni

Il mondo del cinema ha dovuto dire addio a una delle sue stelle più belle: Monica Vitti è scomparsa il 2 febbraio all’età di 90 anni, dopo una lunga malattia.

A darne l’annuncio ufficiale è stato il direttore di Rai Uno Stefano Coletta durante la conferenza stampa del Festival di Sanremo, riprendendo un tweet di Walter Veltroni: “Roberto Russo, il suo compagno di questi anni, mi chiede di comunicare che Monica Vitti non c’è più. Lo faccio con grande dolore, affetto, rimpianto”.

Monica Vitti, interprete di teatro, cinema e televisione molto amata, si era ormai ritirata dalle scene da molto tempo, ma era rimasta nel cuore del suo pubblico.

Monica Vitti, l’ultima apparizione

Con la sua scomparsa, il cinema italiano ha perso una delle stelle più luminose: Monica Vitti ha lasciato un vuoto immenso: è stata una dei volti della commedia italiana, interprete indimenticabile di alcuni dei ruoli femminili più belli, musa di Michelangelo Antonioni che la volle per la sua trilogia sull’incomunicabilità: L’avventura, La notte e L’eclisse.

Negli ultimi anni l’attrice era sparita dalle scene: dagli inizi del Duemila la sua carriera aveva subito un lento declino a causa della sua malattia, che le ha impedito di lavorare com’era abituata a fare. Dopo essere stata invitata alla visita al Quirinale per i David di Donatello nel 2001, l’ultima sua apparizione risale all’anno dopo, al 2002, quando presenziò alla prima italiana di Notre-Dame de Paris.

Monica Vitti, la malattia

La grande attrice italiana, da 20 anni lontana dalle scene, è stata costretta a smettere di lavorare a causa di una malattia degenerativa che è stata recentemente raccontata dal marito Roberto Russo in una recente intervista al Corriere della Sera.

“Ci parliamo con gli occhi. Ha una malattia tipo Alzheimer che si infiltra e sbriciola la memoria”, aveva rivelato il marito della Vitti. Una malattia degenerativa che l’ha colpita relativamente giovane e che da vent’anni la costringeva lontana da un mondo, quello del cinema, che era la sua vita.

Negli ultimi anni circolavano le voci più disparate sul suo conto e sul perché non si vedesse più in giro, sempre rispedite al mittente dal marito Roberto Russo che l’ha difesa a spada tratta in ogni occasione.

In molti pensavano fosse ricoverata in una clinica svizzera, circostanza recentemente smentita proprio dal marito che ha riferito che la Vitti fosse sempre rimasta a vivere a Roma con lui e con una badante proprio perché la vicinanza delle persone care “è un fattore che fa la differenza”, aveva detto Roberto Russo.

Monica Vitti, i funerali

I funerali di Monica Vitti saranno celebrati nel pomeriggio di sabato 5 febbraio nella chiesa degli Artisti a Piazza del Popolo. Le esequie sono in programma dalle 15, per darle l’ultimo saluto.

La camera ardente di Monica Vitti è stata allestita in Campidoglio: è il Comune di Roma, come accade per le personalità del mondo della politica e dello spettacolo, ad ospitare il feretro dell’attrice. L’apertura della camera ardente è prevista dalle 10 alle 18, orario durante il quale si potrà farle visita per salutarla un’ultima volta.