Evan Rachel Wood: l’orrore subito da Manson in un documentario

Evan Rachel Wood racconta le torture fisiche e psicologiche inflitte dall’ex Marilyn Manson nel documentario "Phoenix Rising": frustrata, percossa nei genitali, violentata ripetutamente

Continua la battaglia di Evan Rachel Wood, bellissima attrice americana, contro il suo ex fidanzato e presunto aguzzino Marilyn Manson, con cui è stata dal 2007 al 2010, quando aveva appena 18 anni.

Lo scorso anno Evan, insieme ad altre donne, aveva puntato il dito contro il cantante, responsabile, secondo le loro testimonianze, di abusi e violenze. Oggi, l’attrice racconta minuziosamente, nel dettaglio, tali violenze fisiche e psicologiche subite, in un documentario in due parti di Amy Berg, “Phoenix Rising“, presentato in anteprima su HBO.

Evan Rachel Wood a processo contro Manson

Evan Rachel Wood: gli abusi raccontati in “”Phoenix Rising

Oltre a raccontare come l’abbia ripetutamente drogata e violentata mentre la isolava sempre più dalla sua famiglia e dai suoi amici, Wood – che aveva solo 18 anni quando iniziò a frequentare Manson, allora 37enne – rivela le violenze che le ha inflitto quando ha cercato di lasciarlo.

Evan spiega come Manson l’abbia legata a una panca, fatta inginocchiare, frustata con una frusta nazista dall’Olocausto e colpito i suoi genitali con l’elettricità, con un sex toy BDSM, finché non lo ha implorato perdono per farlo smettere. A quel punto, l’ha costretta a bere il suo sangue, mentre lui faceva altrettanto.

Evan Rachel Wood: le foto degli abusi subiti da Manson

Evan Rachel Wood: Manson esploso quando volevo lasciarlo

L’attrice racconta davanti alle telecamere: “Ci eravamo lasciati e lui mi chiamava e mi chiamava e mi chiamava e io stavo cercando di ‘disinnescarlo'”. Ricorda di essere andata a casa sua, Manson l’ha portata nella sua camera da letto, dove ha visto una panca inginocchiata, come quella usata per pregare in chiesa, sistemata al centro della stanza. “E io sapevo. Sapevo solo cosa sarebbe successo”, dice. “Dopo che mi ha legato, mi ha colpito ancora e ancora e ancora con una frusta. Che era una frusta nazista dell’Olocausto, con sopra una svastica. Perché io sono ebrea. Ha poi detto che mi avrebbe colpito nello stesso posto più e più volte in modo che mi avrebbe fatto davvero male. E poi mi ha scioccato con una bacchetta sui lividi che già avevo”. Ha colpito le mie parti intime con l’elettricità, con un sex toy BDSM, e mi ha fatto così male che ho rotto l’inginocchiatoio a metà”.

“Ricordo di aver pensato in quel momento, digli solo quello che vuole sentire. Digli solo quello che vuole sentire, e io ho detto: ‘Mi dispiace tanto, mi dispiace così tanto’, gli chiedevo perdono, e lui mi cullava e diceva: ‘Hai capito ora’.”. A quel punto ha tagliato la pelle della sua mano e le ha fatto bere il suo sangue, prima di tagliarla anche lei e bere il suo sangue.

La violenza non era nuova, e nemmeno il suo fascino per i nazisti“.

Marilyn Manson: il fascino per il nazismo e Hitler

Quando vivevano insieme, Evan racconta dice che Manson aveva rimepito la loro casa di propaganda nazista. “A un certo punto scrisse: ‘Uccidi tutti gli ebrei’ sul muro della nostra camera da letto”, dice.

Le disse anche che Hitler era “la prima rock star perché era elegante, parlava bene e sapeva come manipolare le masse”.

Manson la prendeva in giro perché era ebrea, e anche quando lei si arrabbiava per il suo antisemitismo.

Non a caso l’attrice ha anche rivelato che nel corso della loro relazione, Manson si è tatuato una svastica sul petto e un teschio e ossa sul braccio che sembra un Totenkopf, altro simbolo nazista.

Evan Rachel Wood: la violenza sessuale nel video

Evan torna anche a parlare della violenza sessuale subita mentre giravano insieme il video Heart-Shaped Glasses. “Avevamo discusso di una scena di sesso simulato, ma una volta che le telecamere sono state accese, ha iniziato a penetrarmi davvero. Non avevo mai acconsentito”, dice.

“È stata un’esperienza davvero traumatizzante girare il video. Non sapevo come difendere me stessa o come dire di no perché ero stata condizionata e “addestrata” a non rispondere mai, a resistere.

“Mi sentivo disgustata da me stessa, come se avessi fatto qualcosa di vergognoso, e potevo dire che tutta l’equipe era molto a disagio e nessuno sapeva cosa fare. Sono stato costretto a compiere un atto sessuale commerciale con false premesse.

Evan Rachel Wood: Manson nega le accuse

Manson ha negato le sue affermazioni e ha intentato una causa, sostenendo diffamazione e inflizione intenzionale di stress emotivo

Evan Rachel Wood e Marilyn Manson