Cosa sapere su Berlino, lo spin off de “La Casa di Carta”

Ambientata tra Parigi e Madrid, la nuova serie dedicata al personaggio più amato de "La Casa di Carta" arriverà nel 2023

Mentre su Netflix gli utenti si consolano con il remake coreano de La Casa di Carta, in Francia prendono il via le riprese di Berlino, lo spin off della serie creata da Esther Martínez Lobato e Álex Pina.

Si comincia il 3 ottobre da Parigi e si proseguirà a Madrid per portare a termine gli otto episodi che vedranno la luce nel 2023.

“Il personaggio di Berlino è quello con la personalità più frizzante per collocarlo in un altro universo. Ci è piaciuta l’idea di presentare una nuova gang insieme a Berlino in uno stato emotivo completamente diverso”, ha spiegato Pina.

Abbiamo seguito la conferenza stampa in diretta dalla Spagna per svelarvi qualche anticipazione.

Berlino, chi sono i nuovi personaggi della serie

Pedro Alonso (La casa di carta) ritorna nel ruolo del furbo e libertino Berlino. Insieme a lui, la sua nuova gang: Michelle Jenner (Isabel) interpreta Keila, un’autorità nell’ingegneria elettronica; Tristán Ulloa (Fariña – Cocaine Coast) veste i panni di Damián, un professore filantropo e il consigliere di Berlino; Begoña Vargas (Benvenuti a Eden) interpreta Cameron, un kamikaze che vive sempre al limite; Julio Peña Fernández (Dalla mia finestra) dà vita al ruolo di Roi, il fedele seguace di Berlino; e Joel Sánchez interpreta Bruce, l’instancabile uomo d’azione della banda.

Berlino, di cosa parla lo spin off de La Casa di Carta

Top secret – almeno per ora – la trama, anche se è evidente che si tratterà di un prequel.  “Una volta optato per uno spin-off su Berlino potevamo scegliere: o farlo resuscitare facendo prendere alla serie quasi una direzione fantascientifica o andare indietro. E Abbiamo scelto la seconda opzione”, ha detto Pina.

Pedro Alonso si è lasciato sfuggire un messaggio tra il criptico e il rivelatore: “Ci sono solo dieci cose che possono trasformare una giornata terribile in una meravigliosa. Il primo è l’amore. E per la verità, non era questo il caso. La mia terza moglie mi aveva appena lasciato… La seconda è un bottino di oltre dieci milioni di euro. Ma non era nemmeno questo il caso. Stavamo per mettere a punto una rapina molto più grande, quella di oggi è stata facile. Ma se hai una brutta giornata, puoi finire per mettere in ginocchio un uomo miserabile e mirare alla sua testa “.

La Casa di Carta e Berlino, cosa cambierà

Pur non rinnegando il passato de La Casa di Carta, Esther Martínez Lobato ha sottolineato che è importante che la nuova serie abbia una propria identità e che funzionasse in modo autonomo. Ci saranno, naturalmente, delle rapine e ci sarà una banda di ladri ma questo nuovo progetto, rispetto alla serie madre, avrà una vocazione più comica e un tono più romantico. “Il nostro obiettivo primario rimane intrattenere. Nel contesto in cui stiamo vivendo, con una guerra in Europa e una grande crisi, crediamo che il nostro lavoro consista nel portare un po’ di luce e mostrare personaggi divertenti. Conoscerete un Berlino meno oscuro e più edonista, meno ladro con la pistola e più prestigiatore come David Copperfield. Era il momento di limitare l’oppressione claustrofobica delle rapine violente”, ha dichiarato Alex Pina.

Quando uscirà la nuova serie Berlino

Lo spin-off de La Casa di Carta è ancora in via di realizzazione per cui gli ideatori non sono stati in grado di immaginare una data di uscita precisa anche perché, come hanno spiegato, non hanno ancora finito di scrivere le sceneggiature della prima stagione.  Il che significa che “Possiamo aggiungere personaggi o ambientazioni man mano, girando capiamo anche cosa funziona di più”, hanno osservato. E non hanno escluso incursioni di altri personaggi de La Casa di Carta per rendere omaggio ai fan. “Ma non possiamo dire altro, perché sarebbe spoiler“, hanno concluso.