Planetaria: a cosa serve, come usarla e tutti i buoni motivi per averne una

Scopriamo insieme la planetaria, elettrodomestico dai mille usi in cucina: cos'è, a cosa serve, come usarla al meglio

Simona Bondi Esperta di risparmio Da sempre sono appassionata del mondo del risparmio: trovare offerte e modi per risparmiare è la mia filosofia di vita.

La planetaria è un piccolo elettrodomestico indispensabile per le appassionate di cucina: ci aiuta nella preparazione di tante ricette, semplificando il lavoro in termini di tempo e, soprattutto, di fatica. Cerchiamo subito di conoscerla meglio.

Differenza fra planetaria e impastatrice

Anzitutto è bene spiegare le differenze fra una planetaria ed una classica impastatrice, che a volte sono poco chiare, per capire quale è meglio scegliere in base alle preparazioni che eseguiamo più spesso. La principale differenza è data dal movimento e dal numero delle fruste.

Le impastatrici hanno spesso due ganci, che possono essere sostituiti con fruste per mondare o mantecare gli impasti più morbidi. Queste fruste compiono un movimento rotatorio su sé stesse molto rapido e in questo modo i vari ingredienti vengono amalgamati, ottenendo il composto desiderato.

Le planetarie invece hanno un solo gancio impastatore, anch’esso sostituibile con fruste per montare o pale per mantecare. Il movimento compiuto dalla frusta della planetaria è molto diverso rispetto a quello delle impastatrici, poiché in questo caso il gancio non ruota su sé stesso bensì si muove all’interno della ciotola compiendo un movimento ellittico, simile a quello dei pianeti che orbitano attorno al sole. Questi elettrodomestici vengono chiamati planetarie proprio in virtù di questa funzione.

Semplificando, le impastatrici in genere vengono utilizzate per miscelare ed amalgamare gli ingredienti. La planetaria svolge la stessa azione, ma può anche impastare composti morbidi e impasti duri come quello del pane o della pizza, per esempio.

A cosa serve la planetaria

Come detto sopra, la planetaria è un elettrodomestico perfetto per chi ama trascorrere del tempo in cucina per preparare impasti dolci e leggeri, ma anche impasti consistenti come quello della pizza.

Chi ama fare il pane in casa, per esempio, non può farne a meno. Con una planetaria possiamo impastare, montare e miscelare tutti gli impasti. È quindi perfetta per realizzare torte, il pane, la focaccia, la pizza o per miscelare ingredienti in pochi istanti.

Quanto costa una planetaria

Il prezzo di una planetaria è molto variabile e dipende da diversi fattori: il modello scelto, la potenza del motore, il numero di accessori compresi e dalla marca. Una planetaria professionale può avere un costo che supera anche i 400€ mentre, un modello economico di planetaria può costare intorno ai 100€.

I migliori modelli di planetaria

La scelta dell’impastatrice planetaria è oggi davvero molto ampia: in commercio possiamo trovare numerosi modelli che variano di prezzo, potenza ed accessori. La scelta dovrà essere dettata, in primis, dalle nostre abitudini in cucina: se amiamo preparare impasti duri come il pane o la pizza, è preferibile optare per modelli che abbiano una potenza minima di 1000w. Un modello inferiore potrebbe surriscaldarsi presto e rompersi.

Di seguito ecco una breve presentazione dei modelli di impastatrice planetaria più conosciuti e ricercati.

Planetaria Kenwood

La planetaria Kenwood è una delle più vendute online (modello KHC29.H0WH): ha una potenza di 1000w ed una capienza di 4,3 Litri, sufficiente per preparare grandi impasti ed impasti duri come quello del pane. Inoltre è dotata di 3 diversi attacchi per gli accessori, 3 velocità di lavorazione e paraschizzi. In dotazione comprende anche un frullatore in plastica, un food processor con lame ed uno spremiagrumi. In vendita è disponibile anche la versione con 5 accessori in dotazione, ai quali si aggiunge un tritacarne ed il frullatore con bicchiere in vetro.

Planetaria Kitchenaid

La planetaria Kitchenaid è fra i modelli più venduti, non solo per la qualità del brand ma anche per il design unico, che la rende un vero e proprio oggetto d’arredo da sfoggiare in cucina. Il modello robot da cucina Artisan 5KSM175 è dotata di ciotola in acciaio inox da 4,8 litri, ciotola in acciaio inox da 3 litri, paraschizzi, 3 fruste ed un gancio per impastare. La potenza è di 300 Watt.

Planetaria Smeg

Anche le planetarie Smeg, come i modelli Kitchenaid, si sono imposte nelle nostre cucine per la qualità del prodotto e per il loro design. In commercio se ne trovano diversi modelli, alcuni in stile “Vintage“, che ben si prestano all’arredamento di alcune cucine in stile retrò.

Planetaria Kasanova

Questa impastatrice planetaria multifunzione è molto ricercata per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Ha una potenza di 1300w (adatta quindi anche per impasti duri) ed una ciotola in acciaio molto capente, ovvero da 5 litri. Le recensioni sono molto buone ed è un acquisto consigliato.

Non disponibile.

Planetaria Ariete

La planetaria Ariete si classifica, in questo elenco virtuale, come miglior impastatrice planetaria economica grazie all’ottimo rapporto qualità, prezzo ed estetica. La linea Vintage di Ariete, in colori pastello, ci offre infatti un modello da 2400w, 7 diverse velocità, ciotola in acciaio da 5,5 litri, 3 fruste, coperchio paraschizzi ed altre piccole funzionalità che la rendono estremamente pratica.

Quali altre preparazioni si possono realizzare con la planetaria?

Un grosso vantaggio delle planetarie rispetto alle impastatrici tradizionali è quello di consentire la realizzazione non solo di impasti duri o morbidi, ma anche di diverse altre preparazioni.

I prodotti più moderni sono dotati di una resistenza interna che consente di cuocere gli ingredienti direttamente nella ciotola principale e ciò significa che si potranno preparare creme, risotti, polenta, mousse, panna cotta e tantissime altre ricette.

Ariete Panexpress 750, per esempio, è una planetaria che impasta, lievita e cuoce con 19 programmi preimpostati e 3 diversi gradi di cottura che permettono di preparare non solo pane o pizza, ma anche dolci, yogurt e marmellata.

È importante ricordare che, grazie al termostato digitale, sarà possibile impostare la temperatura in modo molto preciso. Questa possibilità è fondamentale per la buona riuscita di alcune preparazioni che necessitano temperature specifiche, come ad esempio la pastorizzazione delle uova per il tiramisù o per lo zabaione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Planetaria: a cosa serve, come usarla e tutti i buoni motivi per avern...