Quanto è importante donare il sangue

La donazione di sangue può aiutare chi subisce gravi incidenti o interventi chirurgici complessi, ma anche pazienti affetti da particolari patologie

Federico Mereta

Federico Mereta Giornalista Scientifico

Gli italiani? Un popolo che sa esprimere una grande solidarietà. Anche e soprattutto nei mesi estivi, quando donare il sangue può essere ancor più importante per salvare una vita o per consentire ad una persona malata di affrontare una patologia che può essere tenuta a bada proprio grazie al sangue o a suoi componenti. Ed allora? Allora ricordiamoci di fare un semplice gesto che può rivelarsi decisivo.

Quando serve la trasfusione

Non pensate solamente alla necessità di ridare sangue a una persona che ne ha perduto molto, magari per un grave incidente o per un intervento chirurgico particolarmente impegnativo. In questi casi serve sicuramente avere a disposizione sangue di ricambio, per supplire alle carenze acute.

Non bisogna però dimenticare che ci sono patologie in cui la trasfusione di sangue è un vero e proprio salvavita. Volete qualche esempio? Pensate alla Beta-Talassemia, una malattia genetica, ereditaria diagnosticabile sin dai primissimi anni di vita.

Le persone affette da questa patologia hanno entrambi i genitori portatori sani del difetto genetico. In Italia, si stima che gli individui affetti da talassemia major, la forma più grave, siano almeno 7.000 e i portatori sani sono oltre 3.500.000.

L’impatto della Beta-Talassemia sulla qualità della vita dei pazienti è molto pesante, soprattutto a causa della trasfusione dalla quale queste persone dipendono per la propria sopravvivenza e che rimarrà ancora per molti anni un trattamento non superabile.

Per il futuro, la speranza di una vita senza trasfusioni è legata all’avvento della terapia genica, di cui però solo una parte dei pazienti potrà beneficiare; gli altri, invece, potranno comunque avvalersi delle terapie farmacologiche innovative in grado di ridurre il fabbisogno trasfusionale, senza però eliminarlo.

Un altro tipo di patologie del sangue che possono richiedere trasfusioni regolari come cura sono le sindromi mielodisplastiche, malattie caratterizzate dalla proliferazione incontrollata delle cellule staminali ematopoietiche, che non riescono più a maturare correttamente e ad assicurare, di conseguenza, una normale produzione di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.

Il sintomo più importante è l’anemia, anche di grado severo, che necessita di trasfusioni di sangue più volte al mese. La trasfusione è utile perché offre al paziente quello che il suo midollo non riesce a produrre anche se, quando l’anemia è grave, le condizioni di salute generali della persona ne risentono pesantemente. Di conseguenza, l’anemia trasfusione-dipendente è una condizione molto critica per i pazienti, sovente anziani e con patologie associate.

A che punto siamo

Stando ai dati resi noti in occasione della Giornata dedicata alle trasfusioni di sangue, i donatori in Italia nel 2019 sono stati poco meno di 1.700.000. Si tratta di una cifra sostanzialmente stabile, anche rispetto all’anno precedente. A dirlo sono le informazioni comunicate dal Centro nazionale sangue.

Fortunatamente, salgono i donatori nella fascia più giovane, con un incremento dell’1,6% tra la popolazione di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Diversi sono i dati relativi alle altre fasce anagrafiche, dove si segnala una discesa percentuale delle persone che offrono il proprio sangue. Se dobbiamo poi parlare di record, ricordiamo che la Regione più virtuosa è il Friuli Venezia Giulia, considerando il numero di donatori rispetto alla popolazione. A seguire, ci sono gli abitanti del Molise e della Sardegna.

Federico Mereta

Federico Mereta Giornalista Scientifico Laureato in medicina e Chirurgia ho da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica. Raccontare la scienza e la salute è la mia passione, perchè credo che la conoscenza sia alla base di ogni nostra scelta. Ho collaborato e ancora scrivo per diverse testate, on e offline.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quanto è importante donare il sangue