Long-Covid, come si manifesta e perché preoccupa

Il long-Covid si manifesta con segni e sintomi eterogenei e riguarda tutte le età. Tra i disturbi più comuni, una stanchezza inspiegabile

Foto di Federico Mereta

Federico Mereta

Giornalista Scientifico

Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Gli effetti a distanza dell’infezione da virus sars-CoV-2 sono sicuramente uno dei problemi emergenti per la sanità. Non si sa ancora come mai in alcune persone l’impatto del virus sull’organismo non si esaurisca con la negativizzazione dell’infezione, non si conoscono completamente i meccanismi che generano il quadro.

Di certo c’è che sono molte le persone che, a tutte le età, sperimentano sintomi fisici e psicologici legati agli esiti dell’infezione acuta. Addirittura per la Regina Elisabetta II si parla di long-Covid, lei stessa ha dichiarato di sentirsi “molto stanca e affaticata”, così come accade per tante persone, più o meno il 15% dei guariti almeno in base ai dati di un’analisi condotta in diverse regioni italiane dalla Federazione degli internisti ospedalieri (Fadoi).

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto
Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)