C’è un modo per evitare di piangere? Ecco cosa dice la scienza

Evitare di piangere si può: ecco i consigli suggeriti dagli esperti del settore

Piangere è una condizione che ci accomuna tutti indistintamente.

I motivi che ci portano a farlo sono differenti e cambiano in base all’età. Se infatti i bambini piangono con maggiore facilità e il più delle volte perché si fanno male, negli adulti le cause scatenanti possono essere legate a situazioni di sofferenza provate da se stessi o dagli altri. Allo stesso modo, il pianto può sorgere per avvenimenti che ci procurano stupore, felicità o gioia.

Non c’è nulla di strano nel piangere, anzi fa bene alla salute. Si tratta infatti di uno stimolo emotivo spontaneo che avvia un processo nel cervello, mettendo in moto le ghiandole lacrimali. Studi scientifici hanno rilevato i due fattori principali alla base del pianto:

  • la separazione e la perdita;
  • l’incompetenza e l’incapacità di fare qualcosa.

Il pianto si manifesta principalmente con lo sgorgare delle lacrime e con una voce sofferente, che perde di fluidità apparendo spezzata e tremolante. Se è più semplice lasciarsi andare a un pianto liberatorio quando siamo sole o in compagnia di un’amica, potrebbe essere decisamente più difficile farlo davanti ad altre persone. Come possiamo evitare di piangere? Ecco riuniti alcuni consigli utili, suggeriti da professionisti del settore, come ad esempio mental coach.

  • Rilassa i muscoli del viso. Secondo Janine Driver, amministratore delegato del “Body Language Institute” di Washington, allentare la tensione dei muscoli – soprattutto quelli accanto alle sopracciglia – evita che le lacrime scendano copiose;
  • spingi la lingua sul palato. Sempre secondo Driver, anche questo metodo è in grado di bloccare il pianto;
  • pizzica la pelle. Datti un pizzico tra il pollice e l’indice e smetterai di piangere;
  • respira profondamente. Per allontanare le forti emozioni che stanno per farti piangere, fai un respiro profondo con il naso per quattro secondi e tienilo premuto per altri due. Subito dopo, espira per altri otto secondi, tenendo le labbra semiaperte.

Se invece sai già che dovrai affrontare una situazione particolarmente impegnativa che metterà a dura prova il controllo delle tue emozioni, puoi provare a limitare il pianto seguendo alcuni consigli suggeriti dalla prof.ssa Lauren Bylsma, assistente di psicologia all’Università di Pittsburgh:

  • prova a immaginare lo scenario peggiore in cui potresti trovarti e tenta di gestirlo;
  • sforzati di mantenere la conversazione su una linea ben precisa, cercando di attenerti ai fatti e di allontanarti dalle emozioni. Organizza in anticipo il discorso, in modo da non arrivare impreparata;
  • piangi prima dell’incontro e tenta di gestire le emozioni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

C’è un modo per evitare di piangere? Ecco cosa dice la scienza